A Mecspe 2019 il meglio delle tecnologie per rendere l’industria più competitiva  

Con l’edizione di Mecspe 2019 e i nuovi talk dei Laboratori di Fabbrica digitale, Senaf chiama a raccolta le Pmi per innalzare la produttività italiana. (Nella foto Maruska Sabato, Project Manager Mecspe).

Il Piano nazionale Industria 4.0 ha rappresentato l’occasione per le aziende italiane di cogliere le opportunità legate alla quarta rivoluzione industriale, con benefici tangibili ad oltre un anno di distanza: come riporta l’Osservatorio del Politecnico di Milano, il mercato Industria 4.0 in Italia nel 2017 ha raggiunto un valore di 2,3-2,4 miliardi di euro, con una crescita del 30% rispetto all’anno precedente.

Una spinta fiduciosa, che apre la strada alla possibilità di posizionarsi in linea con le previsioni sugli investimenti mondiali in servizi e tecnologie abilitanti la digital transformation del “Worldwide Semiannual Digital Transformation Spending Guide” di Idc, che indica che la spesa a livello globale in soluzioni nel 2018 dovrebbe raggiungere i 1.100 miliardi di dollari (nel 2017 ha toccato i 958 miliardi), con in testa la smart manufacturing (333 miliardi di dollari).

Il ruolo di Mecspe per le Pmi italiane

Proprio per continuare a mostrare il processo di trasformazione in atto nel mondo delle industrie, Senaf per la prossima edizione di Mecspe, la più grande manifestazione italiana della manifattura 4.0 (Fiere di Parma, dal 28 al 30 marzo 2019), punterà sui contenuti proposti  e sulle idee innovative che consentono di innalzare la produttività italiana.

Un’edizione ancora più all’avanguardia e trasversale per trovare nel merceologico offerto, la soluzione che si sta cercando e/o uno stimolo di trasferimento tecnologico, grazie alla sinergia delle aree tematiche sviluppate dalla manifestazione e dell’iniziativa cuore mostra, che si svilupperà, come di consueto, nel Padiglione 4, dando prova concretamente delle frontiere della digitalizzazione per la fabbrica, dei sistemi e delle tecnologie abilitanti 4.0 che contribuiscono a progettare l’industria contemporanea.

Attorno a questo forte hub attrattivo, si riunirà la supplychain della filiera delle lavorazioni meccaniche, della plastica, della gomma e dei compositi, dei materiali non ferrosi e delle leghe, delle lavorazioni elettromeccaniche ed elettroniche, dell’automazione e della fabbrica digitale, espositori dei 12 saloni che compongono la manifestazione.

I 12 saloni

Subfornitura Meccanica, fulcro espositivo sulle lavorazioni industriali per conto terzi e secondo salone per dimensioni di Mespe.

Subfornitura Elettronica, un’area dove le aziende di progettazione e assemblaggio di componenti elettronici potranno offrire le loro competenze per la realizzazione di manufatti sempre più performanti, intelligenti  e in linea con le attuali esigenze di mercato.

Macchine e Utensili, dedicato alle macchine per le  lavorazioni meccaniche ad asportazione di truciolo; Trattamenti e Finiture, salone biennale dedicato ai trattamenti e alle finiture delle superfici; Control Italy, il salone dedicato al controllo, alla metrologia e al sistema qualità.

Motek Italy, salone dedicato alla robotica, alla manipolazione all’assemblaggio e ai system integrator e Power Drive, dedicato alle trasmissioni di potenza meccaniche, oleoidrauliche, pneumatiche e alla meccatronica; Logistica, specializzato sui temi della logistica industriale e di magazzino.

Eurostampi – Macchine e Subfornitura plastica, gomma e compositiAdditive Manufacturing, focalizzato sulle tecnologie di stampa 3D professionale,con approfondimenti su meccanica, prototipazione, modelleria e design industriale.

Fabbrica Digitale, interamente orientatosulle tematiche relative alla fabbrica intelligente e ai vantaggi in termini di costi e tempi di questo nuovo sistema di produzione (dall’informatica, alla Sensoristica industriale, dal Cloud Manufacturing, alle Tecnologie di identificazione automatica, fino ai Software e alle macchine capaci di comunicare in wireless attraverso l’Internet delle cose); Materiali non ferrosi e leghe.

Senaf dà voce alle storie d’impresa

Il viaggio di Mecspe però non passa solo dalla kermesse primaverile a Fiere di Parma, così come le proposte e gli esempi concreti per tracciare una via italiana per l’industria 4.0.

Senaf dà voce alle storie d’impresa e al racconto di case history 4.0 made in Italy, in un nuovo ciclo di incontri tra il 2018 e il 2019 dei Laboratori Mecspe Fabbrica Digitale, La via italiana per l’industria 4.0, che anticipa la prossima edizione dell’annuale e atteso appuntamento fieristico.

Chi ha saputo tenere il passo con il rapido processo di trasformazione digitale? Chi ha accelerato la propria corsa rispetto ai competitor? Chi invece avrebbe potuto, ma non è riuscito ad avere accesso agli incentivi del Piano Calenda?Questi e molti altri i punti affrontati dalle testimonianze che ripartiranno da Brescia, il 21 settembre, nella tappa organizzata in occasione di InnovA (Brixia Forum, dal 20 al 22 settembre 2018).

Dopo Brescia, sarà la volta di Torino, Catania, ancora Parma (in occasione della giornata inaugurale della edizione di Mecspe) e Padova.

Pubblica i tuoi commenti