Al sicuro dalla corrente

misuratore


Utile per tutti gli installatori e manutentori di impianti fotovoltaici, PV100 di Asita è uno strumento multifunzione per le verifiche di sicurezza elettrica capace di risolvere e facilitare alcune operazioni di prova fino ad oggi di difficile esecuzione. La prestazione di PV100 è la verifica di ogni singolo pannello o di ogni singola stringa man mano che il loro posizionamento procede e lo si può fare anche sotto il sole, quando il pannello genera tensione. Questa funzionalità consente di guadagnare molto tempo durante la fase di installazione perché con una sola prova è possibile verificare l'isolamento elettrico fra i conduttori attivi del pannello o della stringa di pannelli verso terra, senza la necessità di modificare i collegamenti, adattare accorgimenti esterni per porre in cortocircuito i terminali positivo e negativo del pannello/stringa, o ancor peggio, di oscurare temporaneamente il pannello. PV100 si connette direttamente ai terminali del pannello o della stringa (tramite gli idonei e specifici cavi di prova forniti a corredo), verifica la tensione di uscita a vuoto (fino a 1.000 Vcc), dopodiché pone automaticamente in cortocircuito tali terminali e rileva il valore dell'isolamento elettrico rispetto alla connessione di terra di riferimento. Il tutto in condizioni di sicurezza per l'operatore e in maniera semplice e veloce. Durante la breve fase di cortocircuito, PV100 misura anche la corrente di cortocircuito della stringa o del singolo pannello. PV100 esegue inoltre le verifiche di continuità di terra (200 mA) e misura la corrente erogata dalla stringa di pannelli FV tramite il sensore amperometrico a pinza fornito in dotazione.
PV100 rispetta le prescrizioni relative alle prove di accettazione e ispezione volte a verificare le sicurezza dell'impianto fotovoltaico collegato alla rete elettrica definite dalla nuova norma Cei EN 62446 citata dal 4° conto-energia del 5 maggio 2011. Il tutto in conformità alle prescrizioni di misura definite dalle norme tecniche Cei EN 61557-2 e Cei EN 61557-4 alle quali la norma Cei 64-8/6 si riferisce.

Pubblica i tuoi commenti