Bosch Rexroth, fatturato 2015 in calo del 3,2%

Bosch Rexroth ha annunciato una debole congiuntura globale nel settore dei beni d’investimento. In base ai dati di bilancio provvisori, nel 2015 l’azienda ha registrato un calo di fatturato del 3,2%, attestandosi a 5,4 miliardi di euro. Nell'andamento è già stata considerata la cessione del settore Wind Turbine Gearbox alla società ZF Friedrichshafen, avvenuta nel corso del 2015.

Nel Nord e Sud America, Bosch Rexroth ha potuto incrementare il fatturato, mantenuto stabile anche sul mercato tedesco, nonostante le difficoltà del contesto locale. L’azienda ha invece registrato un trend di bilancio negativo negli altri Paesi europei e in Asia. Il bilancio 2015 è stato caratterizzato dal perdurare di una debole congiuntura nei Paesi emergenti, da bassi prezzi delle materie prime, in particolare petrolio e gas naturale, oltre che da turbolenze nei mercati dei capitali.

In Europa, nel 2015 l’industria meccanica e l’impiantistica hanno mostrato un andamento molto critico. Negli Stati Uniti, la produzione di macchine ha registrato una crescita; tuttavia, nel corso dell’anno, la tendenza si è indebolita. Sull’andamento economico di Bosch Rexroth in Asia hanno influito fortemente i cambiamenti strutturali in atto nell’economia cinese, dove è in atto un lento passaggio da una crescita spinta dagli investimenti a una crescita avviata dai consumi. Tale cambiamento, strutturale e quantitativo, ha perciò determinato un trend sensibilmente inferiore alla media nella produzione di macchine sul mercato cinese.

Per il 2016, Bosch Rexroth non si attende determinanti impulsi di crescita dai mercati: ad esempio, anche nell’anno corrente, i bassi prezzi del petrolio lasciano prevedere a livello globale investimenti molto ridotti negli impianti d’estrazione, nuovi o già esistenti, e nei settori dell’indotto. Vi sono, per contro, migliori prospettive per i mercati meno dipendenti dalle materie prime: tipo l’Industry 4.0 nell’automazione di fabbrica, ossia la produzione integrata, che sarà un importante fattore di crescita.

In tale contesto di mercato, Bosch Rexroth sta riorganizzando la propria strategia, migliorando la concorrenzialità: ad esempio, nel 2015 oltre alla cessione di Wind Turbine Gearbox, è stato avviato un programma di ristrutturazione nel settore Industrial Applications ha consentito di snellire le strutture e ottimizzare i processi. Bosch Rexroth ha inoltre avviato la ristrutturazione del settore Mobile Applications, particolarmente colpito dalla contrazione della domanda, pressoché globale, nelle macchine da costruzione, agricole e operatrici.

All'Hannover Messe l’azienda presenta soluzioni intelligenti e integrate per postazioni di montaggio, concepite per una produzione con numerose varianti. Un’ulteriore novità è un’unità idraulica particolarmente compatta ed efficiente, in grado di monitorarsi autonomamente, grazie al Condition Monitoring, e agevolmente integrabile in strutture connesse. In tale ottica, Bosch Rexroth punta su standard aperti, indipendenti dai costruttori e su linguaggi di programmazione tratti dall’automazione, dall’informatica e da Internet.

Il 25 aprile 2016, nell’ambito della Conferenza Stampa Annuale alla Fiera di Hannover, l’azienda presenta una prospettiva dettagliata per l’anno in corso e i dati di bilancio definitivi per il 2015

 

Pubblica i tuoi commenti