Reti Intuitive e futuro del networking, da un nuovo report Idc

Un nuovo report di Idc, in esclusiva per NovaNext, Cisco Gold Partner, mette in risalto come le reti saranno messe a più dura prova nei prossimi anni. Si affermeranno le Reti Intuitive, secondo approccio Intent-based Networking (IBN), capaci di autoapprendere per ridurre la complessità di gestione.

Sulle reti poggiano applicazioni e processi di comunicazione essenziali per la vita dell'azienda, per questo saranno al centro di un’evoluzione, e da esse deriverà un rilevante impatto sulla sicurezza, sull’organizzazione e sui budget Ict.

Le reti sono diventate il tessuto connettivo portante dell'impresa iperconnessa; si prevede che entro i prossimi tre anni, il mercato sarà guidato dalla domanda di servizi per l'implementazione di reti in grado di adattarsi al contesto e di offrire una maggiore protezione del patrimonio informativo aziendale, infatti si parla di un approccio Intent-based Networking (Ibn)

Le tre regole di Idc

È altresì evidente che le aziende italiane dovranno al contempo affrontare diverse sfide, tra cui la sicurezza, la necessità di automazione e virtualizzazione fino a nuove modalità di collaborazione tra i team.

Da qui l’elaborazione di Idc di 3 regole attraverso le quali procedere all’implementazione e gestione delle reti con l'approccio innovativo dell'Intuitive Networking.

Lavorare alla trasformazione tecnologica insieme a quella organizzativa: la pressione competitiva e le tecnologie dell'informazione cambiano l'organizzazione aziendale e il modo di lavorare.Il paradigma Software Defined Enterprise si estende dalle infrastrutture Ict all’interazione con il cliente e altri soggetti esterni all'azienda, mentre il modello Ibn spingerà i dipartimenti IT ad affrontare la complessità tecnologica e organizzativa con un approccio multidisciplinare, aperto al dialogo con le altre aree aziendali.

Misurare l'impatto dell'introduzione delle soluzioni tecnologiche di automazione, ottimizzazione e virtualizzazione della rete sinora adottate per comprendere in anticipo quali saranno le prossime fasi da sviluppare, le aree critiche da indirizzare e gli obiettivi da raggiungere, in ottica di aumentare la resilienza, le capacità di apprendimento, adattamento e protezione della rete aziendale.

Identificare il Partner Ict in grado di affiancare l'azienda nel percorso di trasformazione delle proprie infrastrutture. I Cio e i network manager sono destinati ad essere sempre più concentrati su progettazione e gestione di reti che si adattino al cambiamento del business aziendale. La capacità dei fornitori di servizi professionali di confrontarsi su problemi complessi nelle fasi "Plan, Build & Manage" di trasformazione dell'infrastruttura assumerà maggiore importanza diventando un vero e proprio fattore di successo.

I benefici

Secondo l’indagine, applicando queste 3 regole sarà possibile intraprendere un percorso di trasformazione continua, sfruttando i benefici delle soluzioni Intent-Based Networking, dove la combinazione di analytics e sistemi di intelligenza artificiale abilitano una Rete Intuitiva, in grado di apprendere, adattarsi e intervenire in caso di malware.

“L’indagine fatta da IDC mostra quanto i responsabili delle reti e i CIO considerino oggi la sicurezza e l’automazione della gestione dell’IT due delle sfide più importanti da sostenere e allo stesso tempo rappresentano due priorità presenti nelle loro agende” afferma Cosimo Rizzo, Head of Sales Solutions di NovaNext.

“In NovaNext abbiamo fin da subito abbracciato questo nuovo modo di concepire il networking attraverso l’approccio dell'Intuitive Networking, la nostra trentennale esperienza nel progettare soluzioni di rete e nel comprendere le esigenze dei clienti offrendo servizi personalizzati ci rende i partner ideali per quelle aziende che vogliono avere successo grazie alla trasformazione digitale”.

È disponibile la versione completa del report a questo link.

 

Pubblica i tuoi commenti