A Palermo il nuovo Seminario Cei

Il prossimo 2 aprile a Palermo si terrà il Seminario “Corretto dimensionamento e continuità di servizio. Quali accorgimenti adottare per un carico critico?”, realizzato dal Cei –Comitato Elettrotecnico Italiano con il supporto di Socomec, società leader in Europa e nel mondo della distribuzione, controllo e qualità dell’alimentazione delle reti di energia a bassa tensione, e Pramac, azienda leader nella produzione e commercializzazione di sistemi di generazione di potenza e macchinari per la movimentazione merci.

L'importanza dell'alimentazione elettrica

Nell’era dell’Information Technology e nel panorama di una dipendenza sempre maggiore dall’energia elettrica, la disponibilità di alimentazione è requisito minimo e indispensabile per garantire produzione, servizi e qualità.

Il punto di partenza dell’incontro riguarderà l’affidabilità nel tempo di una moderna installazione elettrica, ottenuta attraverso un’adeguata supervisione e manutenzione.

Partendo dalla tipologia e peculiarità dei carichi, l’incontro prenderà in considerazione gli aspetti normativi per il corretto dimensionamento e mantenimento dell’impianto a garanzia della continuità di servizio e disponibilità, con l’obiettivo di fornire una panoramica completa di un impianto a regola d’arte, la cui affidabilità non sarà determinata solo da una qualità tecnologica rilevante, ma anche da un’adeguata e puntuale manutenzione preventiva.

Il Seminario avrà luogo a Palermo il 2 aprile 2019, dalle ore 14.00 alle ore 18.00, presso NH Hotel, Via Foro Italico Umberto I, 22/B.

Questo Seminario fa parte del sistema della Formazione continua dell'Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dà diritto all'attribuzione di 3 Cfp.

Provider riconosciuto con delibera del Cni in data 04/05/2016.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione obbligatoria fino ad esaurimento posti. È possibile iscriversi online compilando la scheda dal sito Cei www.ceinorme.it alla voce Eventi > Seminari e altri Convegni entro l’1 aprile 2019.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome