IIoT, la proposta di RS Components

Il distributore RS propone diversi prodotti e soluzioni a supporto delle aziende che intendono adottare l'approccio Smart Factory nei loro impianti produttivi, sfruttando efficacemente i vantaggi offerti dalle tecnologie IoT applicate al settore industriale. In particolare, RS offre due approcci primari per lo IIoT ed entrambe richiedono investimenti minimi e non prevedono alcuna riprogettazione dei sistemi esistenti. Gli utilizzatori possono sfruttare la funzionalità della tecnologia plc più recente, oppure integrare le infrastrutture delle reti industriali esistenti all’interno di un moderno sistema di comunicazione.

Secondo Paolo Carnovale, Category Marketing Manager, Automation & Control di RS, “i sistemi di automazione industriale e le infrastrutture per l’informatica e le comunicazioni sono asset complessi e costosi. Quando sul mercato si affermano delle tecnologie nuove, i progettisti non possono semplicemente sostituirli e ricominciare ogni volta da capo. RS sta introducendo nel suo catalogo diverse serie di prodotti che permettono di collegare i sistemi attuali all'IoT. Un sensore, o un plc già installato, potrebbe essere stato progettato per comunicare attraverso una porta seriale o utilizzare Modbus come protocollo nativo; ciò non significa che i dati non possano essere convertiti e adattati per essere utilizzati in nuove applicazioni IoT".

Per chi volesse sostituire un plc o un controllore, RS offre numerose soluzioni proposte da diversi fornitori, tra i quali lo starter kit Simatic S7-1200 + Hmi KP300 di Siemens, dotato di un’interfaccia di comunicazione conforme ai più recenti standard della comunicazione industriale; oppure lo starter kit Magelis Scu Hmi di Schneider Electric, composto da un pc da pannello dotato di interfaccia Ethernet che si integra facilmente in qualunque infrastruttura di rete.

Esistono anche soluzioni di tipo software, come groov di Opto 22, un’interfaccia operatore basata sul web che permette di collegare, facilmente, praticamente qualsiasi dispositivo e che è disponibile sia sotto forma di dispositivo hardware autonomo, sia sotto forma di server per pc sotto Windows. Il collegamento coi sistemi tradizionali può avere luogo anche in un ambiente Ethernet, creato attraverso delle interfacce intermedie: ne è un esempio il prodotto ED-204 Ethernet Media Converter della Brainboxes, che può essere usato per collegare i plc a un sistema di acquisizione dati e analisi basato su pc.

Si stanno diffondendo sempre di più anche sensori e dispositivi collegabili direttamente via Ethernet, come il sensore di temperatura AX8 di Flir. Grazie alla compatibilità con EtherNet/IP e Modbus Tcp, questi dispositivi si possono collegare direttamente in rete condividendo allarmi e risultati di analisi con i sistemi di automazione di più grandi dimensioni. Il sensore di temperatura all’infrarosso PyroNFC di Calex, dimostra che la realizzazione delle applicazioni IoT non richiede obbligatoriamente l’adozione di comunicazioni via Ethernet. Questo sensore è totalmente configurabile tramite un qualunque smartphone compatibile con le comunicazioni Nfc e può funzionare come bridge verso una rete più estesa.

 

 

 

Pubblica i tuoi commenti