Cisco: intelligenza all’Edge della rete e sicurezza intrinseca per gestire il traffico Internet  

Secondo il nuovo studio Visual Networking Index (Vni) di Cisco entro il 2022, sulle reti globali transiterà più traffico IP di quanto ne sia passato in tutta la storia di Internet, dal 1984 al 2016.

In altre parole: nel solo anno 2022 sarà creato più traffico dati di quello creato nei 32 anni precedenti messi insieme.  Ma da dove arriverà tutto questo traffico dati?  Da tutti noi, dalle nostre macchine, dal modo in cui usiamo internet.

Entro il 2022, il 60% della popolazione mondiale userà Internet. Saranno online più di 28 miliardi tra device e connessioni. L’82% di tutto questo traffico IP sarà costituito da contenuti video.

Internet è composta da migliaia di reti pubbliche e private di tutto il mondo. Da quando ha preso vita, nel 1984, su di essa è transitato un traffico di dati pari a oltre 4,7 Zettabyte: una quantità enorme, per averne un’idea diremo che è l’equivalente in dati di tutti i film mai realizzati al mondo – che transitassero in meno di un minuto sulle reti IP globali.

Quattro trend per spiegare la crescita del traffico Internet

“Ci sono quattro trend chiave che spiegano la crescita inarrestabile del traffico internet. Ci sono più persone che usano la rete e in parallelo la digitalizzazione in tutti i settori dell’economia fa aumentare in modo esponenziale il numero di device connessi; la larghezza di banda continua a espandersi a fronte di un traffico che per la maggior parte è generato da contenuti video, i più”esigenti” in termini di uso della rete” afferma Paolo Campoli, Sales Senior Director, Global Service Provider di Cisco.

“Per gestire tutta questa domanda e le conseguenze che comporta in termini di sicurezza e gestione della rete  dobbiamo cambiare radicalmente approccio: cercare nuove soluzioni, con intelligenza all’Edge della rete e con reti dotate di sicurezza intrinseca, che non richiedano ai clienti l’uso di software o competenze particolari ma forniscano la sicurezza in maniera nativa, riducendo le barriere e stimolando ulteriormente l’adozione dei servizi digitali”.

Alcuni dati dalla ricerca Vni

La ricerca Vni di Cisco guarda all’impatto che utenti, device e altri trend avranno sulle reti IP di tutto il mondo su un arco di cinque anni. Fra il 2017 e il 2022, Cisco prevede in particolare questo.

Il traffico IP globale più che triplicherà

  • Ci si attende che nel 2022 il traffico IP globale raggiunga I 396 exabyte al mese – erano 122 nel 2017. Significa avere 4,8 zettabyte di traffico all’anno nel 2022.
  • Entro il 2022, il traffico internet nell’”ora di punta” sarà sei volte più attivo della media. Il traffic internet nell’ora di punta crescerà di circa cinque volte tra il 2017 e il 2022 (37% tasso di crescita annuale composto); raggiungerà i 7,2 petabyte al secondo nel 2022. Per confronto: il traffico internet che passa sulle reti in media durante la giornata crescerà di quasi quattro volte nello stesso periodo, raggiungendo il valore di 1 petabyte al secondo entro il 2022.

 A livello mondiale gli utenti internet saranno il 60% della popolazione

  • Entro il 2022, ci saranno 4,8 miliardi di utenti internet. Erano 3,4 miliardi nel 2017, quando gli utenti internet erano il 45% della popolazione mondiale.

I device connessi in rete e connessioni saranno 28, 5 miliardi

  • Nel 2022, ci saranno 28,5 miliardi di device fissi, device personali mobili e connessioni attive; erano 18 miliardi nel 2017. In pratica avremo 3,6 device connessi e connessioni a testa, mentre nel 2017 ce n’erano 2,4.
  • Oltre la metà di tutti questi device e di tutte queste connessioni saranno macchina-macchina nel 2022; nel 2017 erano il 34%. In pratica parliamo di 14,6 miliardi di connessioni provenienti da ogni tipo di oggetto e device, contro i 6,1 miliardi di cinque anni prima.

Le velocità di connessioni in banda larga, Wi-Fi e mobile raddoppieranno o più a livello globale e Video, gaming e contenuti multimediali costituiranno oltre l’85% di tutto il traffico.

Whitepaper ricerca Cisco Complete VNI IP Traffic Forecast Update, 2017–2022

Pubblica i tuoi commenti