L’automazione Siemens per la birra artigianale piemontese

Inaugurato a metà luglio, a Piozzo, in provincia di Cuneo, su un’area di 72mila metri quadrati, il microbirrificio artigianale agricolo Baladin è quasi totalmente autonomo, dalla fase di produzione della materia prima, orzo e luppolo (prodotta per l’85%), alla sua trasformazione, produzione, ottimizzazione delle risorse energetiche fino alla sua distribuzione, è capace di produrre fino a 50mila ettolitri di birra all’anno ed è dotato di una soluzione completamente integrata di automazione di stabilimento e di automazione energetica firmata da Siemens.

Il birrificio è gestito, dal punto di vista energetico, dal Power Center Siemens Sivacon S4 - il quadro di distribuzione primaria di bassa tensione - mentre il monitoraggio di alcuni dei processi produttivi è invece affidato allo Scada Siemens WinCC, inserito in una rete di comunicazione di stabilimento Profinet su fibra ottica.

2016_09_06_sala_cottura_e_impianto_didattico_043

Sala cottura e impianto didattico

Grazie all’utilizzo della rete Profinet, Siemens ha ottimizzato la comunicazione tra gli interruttori scatolati 3VA2 e i multimetri Pac4200 Sentron all’interno del Power Center, rispondendo in questo modo all’esigenza di Baladin di ottimizzare la comunicazione del proprio impianto con un sistema innovativo e aperto di monitoraggio energetico e di telecontrollo/telemanutenzione.

Con i prodotti inseriti all’interno del Power Center di Siemens, Baladin è in grado di monitorare i consumi energetici, avendo a disposizione tutti i dati necessari per effettuare analisi sui consumi allo scopo di ottimizzarli e soprattutto di risparmiare in termini energetici.

 

2016_09_06_imbottigliamento_023

Impianto di imbottigliamento

“Siemens si è rivelata il partner ideale per concorrere al nostro obiettivo di ottimizzazione ed efficientamento delle risorse energetiche”, spiega Teo Musso,  proprietario di Baladin. “Per Baladin l’attenzione all’ambiente è un vero elemento di distinzione: sia il birrificio sia la gran parte dei locali di mescita sono alimentati con energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili. Un’attenzione che testimonia il nostro reale impegno a favore e nel rispetto dell’ambiente".

Pubblica i tuoi commenti