L’automazione dietro le quinte dell’Oktoberfest 2016 di Monaco

L'automazione è dappertutto. Anche agli stand della nota manifestazione dedicata al buon cibo, al divertimento e alla buona birra, che ogni anno, dal lontano 1815, si organizza a Monaco di Baviera, in Germania. La redazione di Automazione Industriale ha visitato l'edizione 2016 (in corso dal 17 settembre al prossimo 3 ottobre): per la movimentazione e la spillatura dei milioni di litri di birra consumati dai visitatori nei giorni della festa, sono utilizzati sistemi di controllo e panel pc tipici del mondo industriale.

Siamo entrati nella technical room dello stand (Festzelt, letteralmente "tendone della festa") del marchio Hacker-Pschorr del Gruppo Paulaner. Qui sono installati plc e pannelli di controllo di Siemens, i quali - connessi ai sensori di pressione, portata e temperatura - permettono di gestire quotidianamente l'arrivo della birra al tendone attraverso i camion, lo stoccaggio in tre diversi container (in foto) con una capacità di 28mila litri di birra ciascuno e l'approvvigionamento delle spillatrici, fino al bicchiere.

 

IMG_2080

Ogni giorno solo allo stand Hacker-Pschorr sono erogati 84mila litri di birra, provenienti dai tre container, e il compito delle tecnologie di automazione è contribuire in questo caso a mantenere un flusso di spillatura costante, insieme al monitoraggio preciso della temperatura (tra 0 e 1° C) e della pressione della birra nei condotti, due parametri strategici per consegnare agli ospiti un'ottima birra.

Leggi l'intervista a Ulrich Stief di Paulaner e ai responsabili Siemens sulla rivista Automazione Industriale.

 

 

 

Pubblica i tuoi commenti