Abb lancia Freelance 2019. Il focus del Dcs è sulla security

Quella della security è una priorità assoluta nell'era dell'industria 4.0. Una priorità che rientra nelle nuove funzionalità e inclusi nella nuova versione 2019 del Dcs Freelance di Abb, presentato a Norimberga, in occasione della fiera Sps.

Originariamente lanciato nel 1994, Freelance è un punto fermo nell'offerta Abb per il controllo distribuito nelle industrie di processo. Esso combina i vantaggi di un Dcs tradizionale con l'approccio tipico dei plc ed è caratterizzato da facilità d'uso, scalabilità, flessibilità e affidabilità.

La suite Freelance comprende Freelance Operations, la soluzione scalabile per l'impiego a livello operatore, ed Engineering Freelance, che viene utilizzata per configurare e commissionare il sistema, inclusa l'interfaccia operatore.

Le novità di Freelance 2019

Abb segnala prima di tutto una "usability" migliorata: Freelance 2019 fornisce un significativo aumento di efficienza e usability per Operations ed Engineering, grazie all'aggiunta di  funzionalità relative alla navigazione avanzata, al filtering e al sorting. Anche la user experience è stata migliorata, grazie alla nuova UI (interfaccia utente).

Tra gli altri plus, la scalabilità potenziata: il nuovo controller PM 904F espande la famiglia di controllori Freelance AC 900F nella fascia di gamma superiore, supportando quattro interfacce di comunicazione. Inoltre, esso fornisce più memoria applicativa e permette di tenere da parte memoria specifica. Come per tutti i controllori Freelance, le applicazioni utente sono al 100% runtime-compatibili, cosa che consente opportunità di un più semplice aggiornamento.

La versione 2019 introduce anche maggiore connettività: possono ora essere collegati fino a quattro monitor a un singolo workplace operatore. Le tipologie di display disponibili per monitor, nonché le modalità di attivazione dei monitor, sono facilmente configurabili e soddisfano i requisiti tipici per la sicurezza e l'efficacia operativa degli operatori.

Freelance fornisce un'ulteriore alternativa di gestione per  gli utenti, definita "Security Lock", grazie alla soluzione chiamata "Extended User Management". Questa nuova opzione fa uso degli account utente di Windows, supportando sia gli account locali sia quelli di dominio. Così, possono essere soddisfatte le richieste di opzioni come la gestione entralizzata delle password, le regole per la complessità delle password o i termini di scadenza della password.

Freelance 2019 può girare sui sistemi operativi Windows 10 e Windows 7 nella stessa architettura di sistema. Questo permette agli utenti di eseguire un upgrade step-wise verso una moderna infrastruttura IT, il che aiuta a ridurre i costi di manutenzione.

Come nelle versioni precedenti, anche la 2019 permette agli utilizzatori di Freelance di rimanere automaticamente aggiornati, sottoscrivendo il programma Automation Sentinel, il quale ad esempio permette l'aggiornamento automatico delle patch per la cybersecurity.

Disponibile in una vasta gamma di lingue, Freelance richiede cinque minuti per l'installazione su qualsiasi computer standard e si presta facilmente all'auto-apprendimento. L'intuitiva interfaccia operatore consente facili funzionamento e diagnosi di tutto il sistema: trattandosi di un solo un file, è facile eseguire il backup poiché l'intera applicazione sta su una piccola Memory Stick.

Una nuova applicazione per manutenzioni intelligenti

Sempre a Norimberga, Abb ha presentato in anteprima Asset Management Application (App), una soluzione digitale che consente alle industrie di processo di gestire e proteggere i propri asset attraverso la manutenzione predittiva e preventiva, in modo da evitare guasti costosi. Questo è possibile attraverso l'ottimizzazione dei flussi di lavoro e l'analisi approfondita dei risultati, per costruire efficaci strategie di Asset Management che consentono decisioni più intelligenti e più consapevoli.

L'Asset Management App, che sarà disponibile dalla seconda metà del 2019, offre la possibilità di un condition monitoring real-time, di apparecchiature, dispositivi connessi e strumenti  di campo per ridurre i tempi di inattività non programmati, impedisce guasti dell'apparecchiatura. Ottimizza il funzionamento e la manutenzione della base installata. L'applicazione consente l'utilizzo di tool di Analytics avanzati, come il machine learning e l'intelligenza artificiale, per analizzare i problemi delle apparecchiature e ottimizzare le prestazioni.

Considerando come oggi i siti di produzione siano sempre più  geograficamente dispersi e in luce dell'iperconnessione globale attraverso il Cloud, la nuova applicazione di Abb diventa un supporto utile per stabilire una più ampia collaborazione fra i team, il management e le Operations.

Abb Ability Edge permette una connessione sicura tra gli asset e il Cloud, separando efficacemente IT e OT. L'Edge Technology può anche fungere da piattaforma per le applicazioni in modo da dare ai clienti la possibilità di operare esclusivamente on premise piuttosto che nel Cloud.

La nuova App di Abb è disponibile per strumentazione di base utilizzata in tutte le industrie di trasformazione e di produzione. Si estende anche ad asset più specifici, come trasformatori di motori, interruttori o complesse apparecchiature elettriche o rotanti, oppure ancora apparecchiature per la movimentazione meccanica tipo i nastri trasportatori. Fornendo la causa precisa di eventuali problemi a queste apparecchiature, l'App ne consente la rapida identificazione e la risoluzione.

L'Asset Management App sarà disponibile all'interno di Abb Ability, l'offerta digitale di Abb che comprende più di 210 soluzioni Internet industriali, una piattaforma di tecnologia Internet industriale e un'infrastruttura Cloud.

Pubblica i tuoi commenti