Cybersecurity: nuova tecnologia per combattere gli attacchi da remoto

Abstract data

Kaspersky Lab ha brevettato una nuova tecnologia di cybersecurity che automatizza il rilevamento di una delle “armi” più efficaci per i cybercriminali: gli strumenti di controllo remoto.

Nell’ultimo anno, le grandi aziende hanno subito danni fino a 1,2 milioni di dollari a causa di attacchi mirati. Per combattere questi attacchi, un'azienda ha bisogno di diversi livelli di difesa che includono esperti di sicurezza, intelligence di sicurezza globale e numerosi tool di cybersecurity.

I criminali informatici controllano a distanza i computer delle vittime per svolgere di nascosto attività dannose, spesso raggiungendo attraverso canali di comunicazione criptati i server di comando e controllo. Una volta installati sul computer dell'utente, gli strumenti di controllo remoto ottengono l'accesso come amministratore, dando ai criminali informatici la capacità di ottenere informazioni riservate sull'utente e permettendo loro di svolgere qualsiasi attività su quel computer

Questo è particolarmente pericoloso nelle reti aziendali, dove la proprietà intellettuale rischierebbe di essere svelata causando danni incalcolabili, qualora non venisse rilevato il falso sistema di controllo remoto.

Per rilevare in modo efficiente ed efficace i programmi di controllo remoto, le soluzioni antimalware devono sfruttare sistemi complessi di behavioral protection. Con il suo ultimo brevetto, Kaspersky Lab ha ampliato le sue capacità in questo settore, tramite una nuova tecnologia in grado di rilevare applicazioni di controllo remoto, anche se eseguite su canali criptati.

Come funziona. La nuova tecnologia funziona analizzando l'attività dell’applicazione e ricercando un comportamento anomalo nel computer dell'utente, rilevando ogni correlazione tra le attività che si verificano sul computer e le loro cause. Confrontando queste correlazioni con modelli di comportamento definiti, la tecnologia può quindi prendere una decisione sulla registrazione del computer di chi sta compiendo l’attacco da remoto. Può quindi capire se lo strumento di controllo remoto sia utilizzato tramite applicazioni sicure sconosciute o compromesse, o dei loro componenti.

A partire dal 2018, la nuova tecnologia brevettata diventerà parte della soluzione Kaspersky Anti Targeted Attack. Kaspersky Anti Targeted Attack fa parte dell’offerta di Kaspersky Lab per la sicurezza aziendale, che copre diverse aree della sicurezza IT come la protezione degli endpoint, la protezione DDoS, la sicurezza in-the-cloud, la difesa avanzata dalle minacce e i servizi di cybersecurity.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome