Sbagliare non costa niente

packaging

Un sistema, messo a punto dalla Rotoprint Sovrastampa di Lainate, permette di riutilizzare ogni tipo di materiale stampato, risparmiando in denaro e guadagnando in ecologia: è questo che ha permesso a molte aziende di adeguarsi senza sprechi alle nuove normative europee.
Da un anno, infatti, il marchio Dop si è colorato di rosso per risultare più chiaro e immediato per i consumatori. E se alla Unione Europea è bastata una firma per far cambiare il blu in rosso, per un produttore le cose sono più complicate. È un'esclusiva di Rotoprint il sistema di sovrastampa a registro in Rotocalco che consente di intervenire con precisione millimetrica. Una tecnologia frutto dell'ingegno del fondatore Gian Carlo Arici, che oltre quarant'anni fa ha modificato le macchine rotative per venire incontro ai clienti alle prese con materiale difettoso o non più adeguato alle loro esigenze. "Allungare il ciclo di vita degli imballaggi garantisce alle aziende un risparmio significativo", continua Arici. "Non sono costrette a produrre nuovo materiale ed evitano i costi di stoccaggio e di smaltimento in discarica. Inutile dire che questo ha effetti positivi anche sull'ambiente".
Il restyling del marchio Dop è solo uno dei tanti per cui Rotoprint è richiesta. Le possibilità sono infinite: sugli imballaggi si può cambiare qualsiasi scritta ed elemento grafico, aggiungere diciture, bolli e marchi, ma anche modificare ingredienti, codici ean e indirizzi oppure inserire messaggi promozionali, concorsi e sistemi 'scopri e vinci'.
Una gamma di vantaggi che soddisfa un numero sempre maggiore di clienti, in Italia e all'estero. I vantaggi sono anche sul piano ambientale: basti pensare che in un anno arrivano a Rotoprint, pronti a iniziare la loro nuova vita, dai 20 ai 30mila km lineari di materiali accoppiati in bobina, con picchi di 32mila km.

Pubblica i tuoi commenti