Schneider Electric con Microsoft per la città che verrà

SMART CITY
Entro il 2015 quasi il 70% degli abitanti del pianeta vivrà in città. Questa imminente 'migrazione' (già oggi metà della popolazione mondiale vive nelle aree urbane) creerà opportunità senza precedenti ma accentuerà anche problematiche come l'invecchiamento delle infrastrutture urbane, i rischi per la salute pubblica e per la sicurezza, l'inquinamento, la criminalità e il traffico.

Aderendo all'iniziativa CityNext, lanciata da Microsoft nelle scorse settimane, Schneider Electric intende permettere a chi guida i processi di innovazione urbana di costruire 'il nuovo con meno', unendo al potere della tecnologia idee innovative per portare amministrazioni pubbliche, imprese e cittadini a connettersi, con servizi per la città che creino più efficienza, riducano i costi, favoriscano la sostenibilità ambientale e creino opportunità anche per le comunità più disagiate.

Le soluzioni offerte da Schneider Electric possono essere integrate in qualsiasi contesto che consenta di creare nuovi servizi, portando valore alle città e ai cittadini. "La partecipazione all'iniziativa CityNext di Microsoft è in linea con le nostre convinzioni: la collaborazione fra i player del settore è essenziale per aiutare le città a diventare più efficienti, vivibili e sostenibili", dice Charbel Aoun, Senior Vice-President for Smart Cities, di Schneider Electric.
"L'unione fra le soluzioni di Microsoft e la nostra offerta di soluzioni, software e servizi aiuterà concretamente le città a rendere più efficienti le infrastrutture urbane, offrendo servizi pubblici migliori e abilitando servizi innovativi per la città e per i suoi abitanti. Rendere le città intelligenti implica la profonda trasformazione dei modelli che oggi esistono: lavorarci collettivamente, coinvolgendo cittadini, amministrazioni, aziende locali e globali ­ ed anche il mondo della ricerca ­ rende questo possibile".

"Siamo entusiasti di collaborare con Schneider Electric su questo progetto. Per Microsoft, mettere al primo posto le persone e i nostri partner nelle iniziative che lanciamo è una priorità, che vale anche per CityNext", ha commentato Laura Ipsen, corporate vice president Microsoft Worldwide Public Sector. "Anche se le città soffrono la difficile situazione economica globale, riteniamo che una nuova era d'innovazione creerà opportunità per le persone, che potranno utilizzare la tecnologia per fare ciò che non avevano mai pensato fosse possibile. Traiamo grande ispirazione dal nostro ampio e variegato sistema di partner e sappiamo che lavorando insieme possiamo aiutare le città a realizzare pienamente il loro potenziale".

Pubblica i tuoi commenti