Sempre più motori AC nella movimentazione

Motori e azionamenti
Si intitola 'Strategic Analysis of the Electric Drives Market in the European Material Handling Industry' l'analisi di Frost & Sullivan secondo la quale l'industria europea del material handling  presenta una forte domanda di motori avanzati a corrente alternata.

"La maggiore consapevolezza degli utenti finali e delle case produttrici nell'industria della gestione dei materiali, per quanto riguarda il potenziale di risparmio energetico dei motori elettrici, sta migliorando la penetrazione del mercato", osserva Sivakumar Narayanaswamy, analista di Frost & Sullivan. "I motori AC e i servo-motori stanno guadagnando popolarità e stanno rimpiazzando i motori DC nella maggior parte delle applicazioni per la gestione dei materiali".

I benefici di questi motori sono stati riconosciuti tra le case produttrici e gli utenti finali in Europa Occidentale. Per contro, gli utenti finali nell'Europa dell'Est non sono ancora del tutto al corrente di questi motori e si riscontra un elevato potenziale inesplorato in questa regione.

Una sfida chiave per le prospettive del mercato è rappresentata dal costo elevato dell'investimento iniziale. In alcuni casi, l'esborso iniziale necessario ad installare un motore elettrico potrebbe eccedere il costo del motore. Di conseguenza, molte piccole e medie aziende nel settore della gestione dei materiali optano per alternative meno efficienti e meno costose, come ad esempio apparecchiature idrauliche o scatole di cambio, che sono quasi 10 volte più economiche dei motori elettrici.
"Ciononostante, gli utenti finali dimenticano di prendere in considerazione il Roi e il fatto che il tempo di rimborso che si ha con i motori elettrici è inferiore ai due anni nella maggior parte dei casi", osserva Narayanaswamy. "Nell'ultimo decennio, i prezzi dei motori elettrici hanno assistito a un calo significativo, e la tecnologia ha contruibuito alle continue innovazioni dei prodotti".

Pubblica i tuoi commenti