Sono stati 700 i morti sul lavoro

La relazione annuale Inail, relativa al 2015, ha confermato l’andamento decrescente del numero degli infortuni sul lavoro. L'istituto ha infatti registrato poco meno di 637mila denunce di infortuni, in diminuzione del 4% rispetto al 2014 e del 22,1% rispetto al 2011. Gli infortuni riconosciuti sul lavoro sono stati poco più di 416mila (-6,6% rispetto al 2014), di cui il 18,2% avvenuto “fuori dell’azienda”, cioè “con mezzo di trasporto” o “in itinere”.

Da rilevare come, a fronte delle 1.246 denunce di infortunio con esito mortale (erano 1.152 nel 2014), gli infortuni mortali accertati “sul lavoro” sono stati 694 (di cui 382, il 55%, “fuori dell’azienda”), con una riduzione del 2% circa rispetto al 2014 e del 23,4% rispetto al 2011. Il dato tuttavia non è consolidato perché sono ancora in istruttoria 26 infortuni: se tutti fossero riconosciuti come casi mortali avvenuti “sul lavoro”, si avrebbe un aumento complessivo di circa l’1,7% rispetto al 2014, mentre la riduzione rispetto al 2011 sarebbe del 20%.
Gli infortuni sul lavoro hanno causato circa 11 milioni di giornate di inabilità con costo a carico dell’Inail. In media circa 82 giorni per gli infortuni che hanno provocato menomazione e 20 giorni in assenza di menomazione.
A questo bilancio è necessario aggiungere quello relativo alle malattie professionali, che confermano l’andamento crescente nella serie storica. Le denunce di malattia sono state circa 59mila (circa 1500 in più rispetto al 2014), con un aumento di circa il 24% rispetto al 2011. Ne è stata riconosciuta la causa professionale al 34%, il 3% è ancora “in istruttoria”. Il 63% delle denunce è per malattie del sistema osteomuscolare (cresciute del 46% rispetto al 2011).
È importante ribadire che le denunce riguardano le malattie e non i soggetti ammalati, che sono circa 44mila, di cui il 39% per causa professionale riconosciuta.

 

Pubblica i tuoi commenti