Un contributo per i consorzi che vanno all’estero

Con Decreto del Direttore Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi del 1° luglio, il Ministero dello Sviluppo Economico ha attuato le prescrizioni del Decreto interministeriale del 7 aprile. Il MiSe ha infatti definito le modalità e i termini per la richiesta e la concessione dei contributi a fondo perduto a favore dei Consorzi per l’internazionalizzazione, finalizzati a sostenere le pmi nei mercati esteri, a favorire la diffusione internazionale dei loro prodotti e servizi, nonché ad incrementare la conoscenza delle autentiche produzioni italiane presso i consumatori internazionali per contrastare il fenomeno dell’italian sounding e della contraffazione dei prodotti agroalimentari.

Le risorse disponibili per la realizzazione di specifiche iniziative promozionali all’estero ammontano, a favore dei consorzi multiregionali, a 3 milioni di euro, per l’anno 2015, stanziate con Legge di stabilità 2015. Con riguardo ai consorzi monoregionali della Valle d’Aosta e della Sicilia, l’erogazione dei contributi è subordinata all’assegnazione nel capitolo di bilancio dei relativi fondi da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Le iniziative promozionali finanziabili, previste nell’art. 4, devono essere strutturate sotto forma di Progetto per l’internazionalizzazione - di valore non inferiore a 50mila euro e non superiore a 400mila - e devono essere realizzate nel periodo dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015.

La domanda di contributo, con i relativi allegati, deve essere presentata esclusivamente tramite posta elettronica certificata, firmata digitalmente dal legale rappresentante del Consorzio, entro il 1° agosto 2015, all’indirizzo PEC dgpips.consorzi@pec.mise.gov.it, secondo quanto stabilito dall’art. 7 del bando.
Nella sezione “Incentivi e strumenti di sostegno” del sito del MiSe è disponibile il bando che fornisce tutte le indicazioni e le precisazioni in merito ai criteri e alle modalità di accesso al contributo pubblico, nonché alle modalità di erogazione dello stesso.

Pubblica i tuoi commenti