Energia dal sole per lo stabilimento Abb di Dalmine

Abb è protagonista della quarta rivoluzione industriale non solo per l’offerta di soluzioni Industry 4.0, ma anche per l’utilizzo di queste tecnologie nei propri stabilimenti produttivi.

Lo stabilimento di Dalmine produce interruttori, sezionatori e quadri elettrici di media tensione e costituisce, insieme alle fabbriche di Frosinone e Santa Palomba, uno dei Lighthouse Plant selezionati dal Cluster Fabbrica Intelligente per conto del Ministero dello Sviluppo Economico come modello da seguire per le aziende che puntano alla Digital Transformation secondo la filosofia Industry 4.0.

Una potenza installata di circa 900 KW

A coronamento del programma di automazione e digitalizzazione del sito produttivo, Abb ha investito in un impianto fotovoltaico su tetto che arriverà ad una potenza installata finale di circa 900 KW totale, per l’ottimizzazione dei costi energetici ed il benessere ambientale. Il risparmio in termini di costi è stimabile in oltre 60.000 Euro all'anno, mentre la riduzione di emissioni di CO2 in 130 ton all’anno.

"Il nuovo impianto provvede al condizionamento in estate e alla climatizzazione leggera in primavera e autunno producendo, nelle tre stagioni, una quantità di energia elettrica fotovoltaica equivalente o superiore al fabbisogno," racconta Sabatino Senatore, Facility Manager del sito di Dalmine.

Tecnologie evolute

L’impianto fotovoltaico utilizza le tecnologie più evolute: quadri di interfaccia System Pro E Power con interruttori Tmax XT, inverter solari Trio-TM-50.0-400 e sistemi evoluti di digitalizzazione come la piattaforma di gestione energetica su cloud Abb Ability Electrical Distribution Control System (Edcs).

Il cuore dell'impianto è Ekip UP, l’unità digitale plug-and-play che trasforma gli impianti di bassa tensione in microreti digitali con la connessione del sistema elettrico esistente alla piattaforma Abb Ability.

"Ekip UP monitora la generazione di energia fotovoltaica, verificando che le protezioni siano in funzione e garantendo una rapida diagnostica dei guasti," spiega Daniele Colombo, Product Marketing Specialist, Business Line Smart Power. "Ekip UP è conforme alla normativa CEI 0-16 per la connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica, consentendo così l’utilizzo di fonti rinnovabili per edifici e industrie sempre più eco-sostenibili. Inoltre, offre funzioni di gestione e controllo continuo dell’impianto, garantendo guadagni in termini di produttività e costi energetici grazie alla connettività al cloud che abilita funzionalità di monitoraggio remoto, misura dei consumi energetici e raccolta degli stati di allarme."

In un unico dispositivo, sono incluse protezioni elettriche, misure della qualità dell’energia e connettività verso sistemi di supervisione e monitoraggio riducendo di un terzo il numero di componenti rispetto ai sistemi tradizionali.

"Ekip UP è stato impiegato per l’upgrade degli impianti esistenti abilitando il monitoraggio energetico da remoto ottimizzando gli asset installati. Integrando anche il sistema di protezione di interfaccia (SPI) CEI 0-16, oggi Ekip UP è la nuova soluzione di Abb per la gestione dell’energia rinnovabile del nostro Paese.” sottolinea Fabio Monachesi, Global Product Manager, Business Line Smart Power.

I responsabili del sito di Dalmine hanno potuto così mettere in servizio l’impianto fotovoltaico in linea con le normative nazionali. Ora monitorano l'efficienza del sistema sia in tempo reale, ricevendo notifiche via e-mail o Sms per intervenire immediatamente in caso di anomalie o guasti, sia per intervalli di tempo prefissati.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome