La saldatura robotizzata: i pregi di un’innovazione fondamentale

Poche tecnologie sono state in grado di innovare il mondo dell’industria e dell’automazione come la saldatura robotizzata. Gli enormi vantaggi della saldatura automatizzata sono molteplici, ma il più importante è sicuramente quello di rendere completamente automatica la procedura di saldatura dall’inizio alla fine previa programmazione della macchina.

Una volta che il prodotto da saldare raggiunge la postazione indicata, i robot di saldatura eseguono una lavorazione automatica e impeccabile, possibile grazie alla raffinatezza dei macchinari impiegati.

In generale, le automazioni per saldatura non sono altro che bracci robotizzati con alle estremità gli utensili necessari alla saldatura. Tutto è governato dal software di gestione opportunamente programmato dall’operatore per eseguire ogni genere di lavorazione. È indubbio il vantaggio di sollevare gli operatori umani dalle lavorazioni più ripetitive e pericolose.

Il fattore umano è, dunque, circoscritto alla programmazione delle macchine, cosa che da un lato riduce i rischi di errore, dall’altro riduce le probabilità di infortunio. Inoltre, essendo la procedura completamente automatizzata, si tratta di lavorazioni replicabili in maniera identica per il numero di volte desiderato.

Con la saldatura robotizzata, più autonomia alle macchine e meno scarti di lavorazione

saldatura robotizzata stoxUlteriori vantaggi della saldatura automatica sono l’ampia durata di autonomia delle macchine, in grado di procedere a sessioni di saldatura per ore in modo totalmente indipendente dall’intervento umano, e la capacità di intervenire automaticamente in caso di rilevamento di imperfezioni o problemi che verranno prontamente corretti anche senza la necessità dell’assistenza di un addetto.

Tra gli altri vantaggi vale la pena sottolineare anche la riduzione totale degli scarti di lavorazione, il fatto di non dover tornare sui pezzi per lavorazioni di fino e la possibilità di far continuare il processo di saldatura anche durante le ore notturne.

La saldatura robotizzata TIG e MIG/MAG

In particolare, Stox è specializzata nelle lavorazioni di saldatura robotizzata TIG, MIG e MAG, offrendo il massimo dei risultati con strumentazione all’avanguardia.

La principale differenza è tra la saldatura TIG e la saldatura MIG/MAG. La saldatura TIG, così come spiega bene l’acronimo Tungsten Inert Gas, prevede l’impiego di un elettrodo infusibile fatto, appunto, di tungsteno protetto da gas inerte. La particolarità della saldatura robotizzata TIG è l’alta qualità dei giunti di saldatura, e il fatto che sia gestita da macchinari completamente automatizzati ne riduce l’impatto economico.

Si tratta di una tipologia di saldatura estremamente versatile, dagli usi più disparati e permette la saldatura di qualsiasi tipo di metallo, anche dell’acciaio inossidabile, in atmosfera inerte. L’elevata qualità dei giunti è motivata dalla semplicità di gestione dell’arco elettrico, garantendo un deposito estremamente regolare.

Per quanto riguarda la procedura di saldatura MIG/MAG, esse si differenziano dalla TIG perché impiegano un elettrodo fusibile. Inoltre, la differenza tra MIG e MAG è insita nella tipologia di gas utilizzato: nel primo caso si tratta di gas inerte, mentre, nel secondo si tratta di gas attivo.

Di norma, l’impiego di saldatura MIG o MAG è motivato dalla tipologia di metallo che si desidera saldare: la saldatura robotizzata MAG è dotata di un maggiore potere di penetrazione rispetto alla sua controparte con gas inerte ed è quindi indicata per lavorazioni sui materiali come acciai al carbonio.

La saldatura MAG, inoltre, è caratterizzata da una maggiore stabilità dell’arco anche durante la saldatura su materiali ferromagnetici. Infine, grazie al gas di copertura, il risultato della saldatura resta scevro di qualsiasi tipo di interferenza data da scorie o ossigeno.

Se, da un lato, la saldatura TIG è prediletta in occasione di necessità di saldature di altissima qualità, la saldatura MIG/MAG viene impiegata quando ci sono esigenze di alta produttività e flessibilità di impiego vista la possibilità di lavorare su un’ampia varietà di metalli tra cui anche leghe di nickel, rame, metalli leggeri, titanio e altro.

L’innovazione data dall’integrazione di linee di saldatura robotizzate ha quindi migliorato i ritmi produttivi e migliorato la vita degli operatori che, ora, sono in grado di lavorare in condizioni di maggiore sicurezza, soprattutto quando si tratta di numerose lavorazioni ripetitive.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome