Un ponte tra It e manufacturing

Mes

Ottenere una maggiore efficienza dei processi produttivi e una migliore raccolta dei dati di produzione sono obiettivi imprescindibili per i responsabili d'impianto. Obiettivi che nella maggior parte dei contesti produttivi europei restano ancora sulla carta, a causa della parziale integrazione tra i diversi sistemi d'automazione e lo scambio discontinuo di informazioni tra il livello di campo e quello It. Secondo Vdma, l'associazione dei costruttori tedeschi di macchine e impianti, l'80% delle medie e grandi aziende europee non è ancora preparato a reagire con flessibilità alle richieste del mercato globale attraverso i propri sistemi It, mentre secondo le stime della Ruhr University Bochum il 52% dei decision maker ritiene che l'integrazione con i sistemi Mes sia ancora troppo complicata.

A citare queste percentuali è stato Ivo Gloder, Application Engineer Manager Factory Automation di Mitsubishi Electric, in apertura del seminario dedicato all'e-F@ctory, organizzato dall'azienda alla fine dello scorso marzo al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Gloder ha ribadito quanto sia forte la necessità di disporre in modo trasparente e in tempo reale dei dati di produzione, onde poter prendere le decisioni corrette al momento giusto. “Purtroppo, oggi la maggior parte dei sistemi It ancora non favorisce trasparenza e comunicazione in tempo reale”, ha detto Gloder. “I sistemi It non hanno una struttura dati trasparente, salvano i dati raccolti in diverse locazioni fisiche, lavorano con piattaforme diverse (Excel, Access, altri database), hanno una struttura complessa, che richiede documentazione e manutenzione altrettanto complesse”.

Da tempo Mitsubishi Electric è impegnata nello sviluppo di soluzioni integrate di automazione, riunite nel concetto di e-F@ctory, per risolvere queste problematiche e favorire un'ottimizzazione totale della fabbrica, attraverso un reale collegamento fra il reparto produttivo e il sistema informativo dell'impresa. “Dobbiamo lavorare su questi due fronti, produzione e It, per sviluppare una reale integrazione che si basi su una comunicazione facile e semplice dal campo al database It e su una visibilità dei processi produttivi in tempo reale, senza tralasciare gli aspetti legati alla tutela dei dati di impianto”, ha continuato Gloder. “Non dimentichiamo che maggiore è l'integrazione, più alta è la minaccia di un'esposizione agli hacker delle informazioni contenute nei pc e nei sistemi Scada; a questo proposito riteniamo fondamentale il nostro nuovo modulo Mes It, in linea con il concetto di e-F@ctory, con il quale si ottiene un collegamento al livello produttivo diretto, ma anche più sicuro, poiché con Mes It si possono 'vedere' informazioni soltanto sotto forma di numeri: il mondo It riceve i dati di produzione in tempo reale e in modo trasparente e sicuro, affinché i responsabili possano ottenere decisioni basandosi su dati certi e fatti concreti, senza abbandonarsi alle pure supposizioni”.

Il nuovo modulo Mes It di Mitsubishi Electric va ad aggiungersi ai già esistenti moduli Mes per plc e Got di Mitsubishi Electric. “Il nuovo modulo QJ71MES96, integrato sulla base della piattaforma Q, permette un collegamento con i sistemi Mes dell'azienda, senza la necessità di avere pc con funzioni di gateway o altri software e interfacce specifiche verso la parte gestionale; la comunicazione è bidirezionale tramite gli standard Sql e Xml, con la possibilità di inviare dati dal server Mes al plc; il trasferimento dei dati non avviene solo dalla scheda QJ71MES96 al sistema gestionale, ma anche nella direzione opposta, ed è quindi possibile inviare al plc dati di ricetta e direttive di lavoro”, ha spiegato Gloder. “Sono supportati Access, Microsoft Sql Server, MySql, Oracle/Sap, DB2, DB2/400, Sybase ed è possibile collegare fino a 32 database a un unico progetto”. Rispetto ai moduli Mes per plc e Got già presenti sul mercato, il nuovo Mes It esegue, oltre a 'insert, update, select', altre operazioni Sql (batch insert, select with delete, select with update, stored procedure, count rows delete) e include funzionalità di messaging verso database (http, e-mail, Tcp, Ibm WebSphere MQ, Mqtt, Jboss). La collaborazione di Mitsubishi Electric con Ibm e Ils Technology nello sviluppo del nuovo modulo ha permesso anche di inserire modalità di comunicazione verso i controllori di terze parti.

Se desideri conoscere tutte le altre novità presentate da Mitsubishi Electric al seminario di Milano, puoi leggere l'articolo completo sul n. 180 di Automazione Industriale (maggio 2010), oppure richiedere la versione digitale alla Redazione.
 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome