Lab-Id sceglie la simulazione di Ansys per affrontare le sfide più competitive

Lab-Id, specializzata in tecnologie Rfid, ha adottato la soluzione di simulazione  Hfss di Ansys, trasformando il tradizionale processo basato sulla progettazione e prototipazione fisica in prototipazione virtuale.

La tecnologia Rfid deve tener conto di tutta una serie di variabili riferite all’intero sistema chip-antenna-lettore e ovviamente all’ambiente operativo circostante, considerando anche che ogni settore di applicazione – dal fashion al food, dalla logistica all’IoT –necessita di specifiche soluzioni in contesti dinamici e in continua evoluzione.

La simulazione diviene così un alleato fondamentale per la progettazione. Grazie ad Ansys  Hfss , è stato rivoluzionato completamente il reparto R&D che, per dar vita ai vari processi di progettazione, era costretto a impiegare una risorsa interna e a prevedere svariati passaggi di prototipazione fisica.

La simulazione ha inoltre permesso di sfruttare al meglio i notevoli investimenti su strumenti di verifica prototipale come analizzatori di rete, di spettro o di rilevazione integrata specifica per l’Rfid come il Voyantic.

Oggi, per Lab-ID, il percorso che passa dall’ideazione alla realizzazione è diventato estremamente più efficiente e performante, consentendo all’azienda non solo di essere molto tempestiva rispetto alle continue sollecitazioni da parte del mercato, ma soprattutto di divenire proattiva nei confronti dei clienti, proponendo soluzioni all’avanguardia, anticipando possibili esigenze e cogliendo nuove opportunità.

Grazie al software di simulazione Hfss, i tempi di realizzazione dei prodotti hanno avuto una riduzione sostanziale del 50% che ha consentito, non soltanto una radicale ottimizzazione dei costi, ma anche di incrementare notevolmente la competitività e rivoluzionare l’approccio in un settore dove il prodotto finito ha un costo di mercato molto basso in proporzione al notevole background richiesto.

Pubblica i tuoi commenti