Cvd, un nuovo Programma di Ptc per Installazioni IoT più sicure

Ptc lancia una nuova iniziativa di cybersecurity, il Programma Cvd (Cvd, Coordinated Vulnerability Disclosure),  per migliorare la collaborazione con clienti, partner e ricercatori e offrire installazioni IoT più sicure e resilienti.

Cvd è un programma di divulgazione coordinata della vulnerabilità , che si inserisce nell'impegno di Ptc volto a promuovere una responsabilità condivisa per installazioni IoT sicure e protette.

Il nuovo programma è ideato per supportare la segnalazione e la risoluzione delle vulnerabilità di sicurezza che potrebbero potenzialmente interessare gli ambienti in cui operano i prodotti Ptc, inclusi i settori con requisiti di sicurezza molto stringenti.

Responsabilità condivisa

Il programma Cvd è un componente essenziale del modello di responsabilità condivisa di Ptc, che definisce un quadro di collaborazione con clienti, partner e altre parti del settore in ambito di cybersecurity.

Jim Heppelmann, Ceo di Ptc, ha illustrato questa vision durante la presentazione introduttiva in occasione dell’evento LiveWorx, nella quale ha invitato partner e clienti a collaborare con Ptc per migliorare la sicurezza, indicando la necessità di assumersi le responsabilità di un controllo capillare in grado di migliorare anche i tempi di risposta.

Considerato un'estensione del modello di responsabilità condivisa, il Programma Cvd promuove la collaborazione con i ricercatori esterni al fine di identificare le vulnerabilità dei prodotti a marchio ThingWorx di Ptc.

Ptc invita professionisti e organizzazioni a segnalare le vulnerabilità di sicurezza seguendo un processo ben definito e allineato al modello di lavoro sulla sicurezza dell'ente nazionale per le telecomunicazioni e l'informazione (Ntia, National Telecommunications and Information Administration).

Il programma assicura ai ricercatori la costante collaborazione di Ptc per conseguire la massima protezione dei clienti e del pubblico.

L'IoT a un punto di svolta

Il mercato IoT è a un punto di svolta, con una spesa che si pensa possa raggiungere 1,2 miliardi di dollari nel 2022, stando a quanto attesta una recente guida di Idc. “Con le aziende che continuano a investire nell'IoT è importante che si compiano sforzi nell'intero ecosistema per proteggere gli endpoint e gli ambienti”, ha dichiarato Stacy Crook, Direttore delle ricerche sull'IoT di Idc.

“I software sofisticati e l'iperconnettività stanno introducendo innovazione a un ritmo senza precedenti”, ha affermato Joshua Corman, Vicepresidente senior e Direttore della sicurezza di Ptc. “Queste condizioni possono potenzialmente introdurre nuove tipologie di incidenti e minacce. In questo nuovo ordine mondiale, la sicurezza informatica deve diventare responsabilità di tutti, e bisogna lavorare insieme per affrontare al meglio queste minacce. Il programma Cvd di Ptc rappresenta un importante passo avanti verso la collaborazione, poiché invita professionisti e organizzazioni a identificare e a comunicare le vulnerabilità di sicurezza in modo che Ptc possa rapidamente valutare, attenuare e intraprendere azioni correttive finalizzate a proteggere ulteriormente i propri prodotti e le installazioni dei clienti”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome