Una smart machine è costruita per abilitare la raccolta dei dati provenienti dal campo, al fine di prendere anche decisioni “autonome”, ovvero (in un futuro non troppo lontano) di usare dati e conoscenze per adattare e regolare il proprio output.

Gli aspetti principali che caratterizzano una smart machine sono riconducibili a quattro elementi base: connettività (Ethernet e mobile device), efficienza (self-awareness, data management), sicurezza (cybersecurity) e flessibilità (plug and work, modularità, design reuse).

  • Connettività:

la smart machine si collega direttamente a una rete basata su protocollo Ethernet. Ciò consente la condivisione dei dati e la pianificazione della produzione, che va ben oltre le capacità dei tradizionali macchinari automatizzati. La macchina intelligente rende disponibili i dati di produzione a diversi livelli dell’organizzazione aziendale (pianificazione delle funzioni aziendali e del personale, controllo scorte, manutenzione, gestione dei consumi energetici…).

  • Mobility:

la smart machine abilita un concetto esteso di mobility in fabbrica. Gli operatori e i tecnici utilizzano in numero sempre maggiore dispositivi mobili (tablet e smartphone) in fabbrica. Questo libera il personale operativo dalla necessità di trovarsi nelle immediate vicinanze di una macchina per monitorarne o gestirne le prestazioni. I tecnici possono diagnosticare i problemi e offrire assistenza a distanza, accelerando l’implementazione della soluzione. Si riducono i tempi di inattività e le perdite dovute a guasti dei componenti.

  • Self-awareness:

con l’utilizzo di sensori di ultima generazione (cablati, wireless o virtuali) e con la conoscenza intrinseca delle proprie caratteristiche di funzionamento, una smart machine è in grado di monitorare i propri componenti e le condizioni ambientali circostanti. L’intelligenza integrata correla il comportamento a monte e a valle e adatta i propri parametri all’interno di determinate regole aziendali.
La smart machine fornisce informazioni rilevanti agli operatori di macchina, garantisce un funzionamento delle linee di produzione più affidabile, più flessibile e più efficiente. Tale ottimizzazione può essere applicata a livello di energia, tempo, efficienza complessiva degli impianti, alleggerimento automatico del carico, qualità e altri parametri tramite sistemi a monte che forniscono setpoint basati sull’analisi.
Questo livello di monitoraggio della macchina consente di utilizzare tecniche di manutenzione preventiva, contribuendo a evitare guasti ai componenti che causerebbero downtime oppure danni associati alla macchina o ai componenti. Consente inoltre di pianificare la manutenzione, per ridurre l’impatto sulla produzione al minimo.

  • Data Management:

le smart machine sono dotate di un livello di intelligenza appropriato per valutare i dati raccolti in modo rapido e decentralizzato (on the edge) e indirizzandoli poi verso un controllo centralizzato di fabbrica. La gestione è semplificata grazie al fatto che l’intelligenza permette di condividere solo i dati “sensibili” e utili.

  • Cybersecurity-Protezione dati:

grazie alla sicurezza integrata nei singoli componenti di automazione (pensate a un PLC con funzioni native di cybersecurity), le smart machine risultano più sicure per gli operatori e meno esposte ai pericoli derivanti dall’aumento delle connessioni di rete.

Come costruttori di macchine, è bene che vi attrezziate per garantire ai clienti valide opzioni di sicurezza, che includano componenti di sicurezza dedicati (un esempio sono i scanner laser o le telecamere di sicurezza) e componenti di automazione con sicurezza integrata (i safety PLC o altri dispositivi di sicurezza dedicati tipo relè, pulsanti ecc.).

Se riuscite a utilizzare la giusta combinazione di componenti di sicurezza e di controllori sarete in grado di adattare la soluzione ai requisiti specifici dell’applicazione dell’utente finale, contribuendo a migliorare le performance complessive e la produttività. In particolare, con l’IIoT e i crescenti livelli di connettività, è necessario valutare la sicurezza a numerosi livelli, incorporando hardware, software e servizi. È bene anche accertarsi che gli utenti finali siano consapevoli delle vulnerabilità della sicurezza e siano in grado di gestire l’infrastruttura di rete in modo da ridurre al minimo il rischio di violazioni.

  • Plug & work:

qualsiasi nuova smart machine deve essere compatibile con le installazioni o i macchinari esistenti in fabbrica provenienti da altri costruttori. Gli utenti finali desiderano dispositivi che possono essere installati e resi funzionanti in brevissimo tempo, quindi facilmente integrabili con il parco installato.

  • Modularità:

dovendo sviluppare rapidamente i progetti commissionati dai clienti finali, come costruttore di macchine è necessario consideriate attentamente meccatronica e modularità. È utile preferire modelli di progettazione collaudati per funzioni software semplici o moduli funzionali per la meccanica, la componentistica elettrica, il motion, le interfacce, il funzionamento.

  • Design-reuse:

la modularità nella progettazione di una smart machine è fondamentale. Il concetto di interfacce chiare e rigide con un comportamento ben definito che possa essere testato diventa un altro principale fattore di differenziazione della smart machine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome