Con il nuovo cobot UR16e, Universal Robots alza il payload a 16 kg

Universal Robots ha scelto la giornata del 17 settembre per lanciare a livello mondiale UR16e, il nuovo robot collaborativo della famiglia e-Series pensato per gestire carichi al polso fino a 16 kg.

In Italia, per presentare il nuovo UR16e è stata scelta la sede Universal Robots di Torino,  nella quale è intervenuto Alessio Cocchi, il Country Manager per l'Italia dell'azienda.

"Dall'anno della sua fondazione ad oggi Universal Robots ha continuato a stabilire degli standard che hanno rivoluzionato il mondo della robotica industriale, in termini di safety, velocità di setup, facilità di programmazione e flessibilità nel deployment", dice Cocchi, presentando il nuovo UR16e.

"Il nuovo modello UR16e della famiglia e-Series è l'evoluzione naturale di questa rivoluzione, un nuovo passo che conferma il nostro impegno a rendere i robot di facile utilizzo, sempre più accessibili a tutti, indipendentemente dalla tipologia e dalla dimensione di un'azienda", aggiunge Cocchi.

"UR16e combina la capacità di carico aumentata di 6 kg rispetto ai modelli e-Series precedenti, con un raggio d’azione (reach) di 900 mm e una ripetibilità di +/- 0,05 mm, che lo rendono ideale per automatizzare applicazioni di machine tending, packaging, assemblaggio, avvitatura, trattamenti e finiture superficiali".

Cobot UR16e, costruito per fare di più

Come ogni cobot UR, anche il nuovo UR16e offre una semplicità d'uso tale da entrare in produzione in appena un’ora dall’uscita dalla confezione. Le dimensioni (33 kg per un ingombro alla base di appena 190 mm) ne consentono un’integrazione agevole anche in layout particolarmente saturi.

La maggiore capacità di carico di UR16e, portata a 16 kg "reali ed effettivi al polso", come sottolinea Cocchi, "permette alle imprese di gestire con flessibilità ed efficienza la movimentazione di materiali e pezzi pesanti sollevando gli operatori da queste attività".

La capacità di movimentare materiali pesanti e automatizzare l’asservimento macchine anche con carichi elevati rende il cobot UR16e ideale per l'automazione di carichi elevati e applicazioni di machine tending su cnc.

 

Un ecosistema aperto alla base del cobot UR16e

Come gli altri cobot della gamma e-Series (UR3e, UR5e, UR10e), il nuovo UR16e integra un sensore di forza/coppia e 17 safety native configurabili in base alle esigenze produttive, inclusi tempo e distanza di arresto personalizzabili.

Il sistema Polyscope 5.5 favorisce un’esperienza di programmazione intuitiva e user-friendly. Inoltre, UR16e rispetta standard di sicurezza quali EN ISO 13849-1, EN ISO 10128-1, Pld, Categoria 3.

"La rivoluzionaria piattaforma collaborativa e-Series di UR include anche Universal Robots+, l'ecosistema aperto di accessori ed Eoat sviluppati da terze parti e certificati all’uso con i cobot UR", commenta infine Cocchi.

"E beneficia anche del programma di e-learning gratuito Universal Robots Academy, per la programmazione di base dei cobot UR, e dell’Application Builder, un tool di sviluppo semplificato e guidato di applicazioni complesse. Tutte le opportunità messe a disposizione da questo set di strumenti saranno ovviamente disponibili anche per il nuovo UR16e, in modo da sostenere le imprese a intraprendere processi di automazione sempre più innovativi e performanti".

Il nuovo modello UR16e della famiglia e-Series di Universal Robots è disponibile alla commercializzazione a partire dal 17 settembre. Dal momento dell'ordine, può essere ricevuto nell'arco di una decina di giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome