Il mercato italiano dell’Automazione: nel 2019 cala dell’1,2%

Anie Automazione ha pubblicato l'Osservatorio annuale sui dati del settore dell’automazione industriale relativi al 2019. Nel 2019 il mercato dell’automazione industriale in Italia ha registrato un fatturato totale (vendite Italia + esportazioni dirette) di 5,1 miliardi, con un lieve calo del'1,2% rispetto al 2018.

L'Osservatorio, che offre anche un approfondimento sull’Edge Computing nell’industria, è disponibile online sul sito: www.anieautomazione.anie.it.

I dati dell'Osservatorio

Il calo dell'1,2% rispetto al 2018 ha evidenziato una battuta d’arresto del trend di crescita che ne ha caratterizzato l’evoluzione nei sei anni precedenti.

Da fine 2018 il comparto, che svolge un ruolo centrale come portatore di innovazione all’interno del manifatturiero, ha infatti sofferto della fase di incertezza che ha caratterizzato il ciclo degli investimenti industriali.

In particolare, nel 2019 la quota di fatturato delle importazioni è aumentata in maniera più intensa (+4,6%) rispetto a quella delle esportazioni (+1,9%) e il mercato interno ha registrato un calo dello 0,3% rispetto al 2018.

Considerando le statistiche di Anie Automazione che rilevano il venduto in Italia, i dati nel 2019 mostrano un calo del 2,3% rispetto all’anno precedente (migliorando leggermente l’andamento della prima metà dello scorso anno, in cui il calo tendenziale era del 2,7%).

In particolare, a crescere sono i fatturati di Scada (+9,7%), Networking industriale (+9%), IPC (+3,6%) e Rfid (+2%). Tra i risultati negativi, si segnalano quelli di azionamenti (-5,2%), encoder rotativi (-4,6%), wireless industriale (-4,2%) e HMI (-4%).

L'effetto Covid-19

Per quanto riguarda la prima parte del 2020, lo shock rappresentato dalla diffusione dell’epidemia Covid-19 ha comportato una revisione al ribasso delle previsioni per l’evoluzione dell’economia globale.

L’elevata incertezza di scenario si riflette sulle prospettive di sviluppo del manifatturiero italiano, dove al netto deterioramento del clima di fiducia delle imprese si associa la battuta d’arresto degli investimenti.

Secondo un’indagine rapida tra i soci di Anie condotta a inizio maggio 2020, le previsioni per la chiusura dell’anno vedevano un calo di fatturato dell’8%; ad inizio giugno il sentiment è ulteriormente peggiorato. Al contrario, per il 2021 prevale l’ottimismo: l’86% dei rispondenti crede che ci sarà una variazione in aumento dei ricavi.

Focus: Edge Computing per l’industria

Ill Focus dell’Osservatorio, dedicato lo scorso anno a intelligenza artificiale, 5G e blockchain, tratta quest’anno di Edge Computing per l’industria, un’architettura IT con potenza di elaborazione distribuita, particolarmente adatta per le tecnologie “mobile computing” e di IoT.

È un mercato in grande crescita. Entro il 2022, Gartner stima che metà delle grandi organizzazioni integreranno i principi edge computing nei loro progetti. Ciò è in parte dovuto al fatto che entro il 2022 saranno spesi 2,5 milioni di dollari ogni minuto nell’Internet of Things (IoT) e un milione di nuovi dispositivi IoT sarà venduto ogni minuto.

Queste soluzioni sono basilari per accelerare i flussi di dati, senza tempi di latenza di elaborazione, e quindi permettere a dispositivi intelligenti di reagire in modo istantaneo con vantaggi significativi per moltissime applicazioni in vari campi.

“Il compito di Anie Automazione - afferma Fabrizio Scovenna, Presidente Anie Automazione. - con strumenti come questa pubblicazione, è quello di poter fornire una visione su tecnologie emergenti e su quanto possano fare per migliorare il settore manifatturiero e non solo. Lo riteniamo uno dei compiti fondamentali della nostra Associazione: essere un vettore di conoscenza.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome