Intelligent Enterprise Index, studio di Zebra Technologies sulle aziende smart  

Zebra Technologies Corporation ha diffuso i risultati della seconda edizione annuale dell’“Intelligent Enterprise Index”.

Si tratta di una ricerca globale che valuta a che punto è il percorso evolutivo verso le “Aziende Intelligenti”: imprese in grado di connettere mondo fisico e digitale e di guidare l’innovazione attraverso l’assistenza real-time, ambienti cosiddetti data-powered e flussi di lavoro collaborativi.

Il sondaggio ha svelato che le imprese investono maggiormente nei dispositivi IoT e nella condivisione di dati in tempo reale

Le aziende sono sempre più smart.  Grazie ad un punteggio superiore ai 75 punti nell’Indice generale, le “Aziende Intelligenti” sono raddoppiate nel 2018, fino a raggiungere il 10% del totale.

L’Indice misura fino a che punto le aziende di oggi soddisfano i criteri dell’odierna Intelligent Enterprise.

Crescono  gli investimenti in dispositivi IoT

In generale, l’Indice rivela una forte crescita rispetto allo scorso anno degli investimenti in dispositivi IoT e della loro implementazione e sottolinea una rinnovata attenzione su questo tema, dovuta principalmente ad una minore resistenza all’adozione di soluzioni IoT da parte delle aziende che ne riconoscono sempre di più il ruolo centrale nello stimolare la crescita futura delle proprie organizzazioni.

“Con la continua trasformazione delle prime line del business indotta dalle nuove tecnologie, la possibilità di ricevere in diretta input data-driven sta consentendo ai lavoratori in prima linea di ottimizzare le proprie azioni e migliorare i risultati,” ha commentato Tom Bianculli, Chief Technology Officer, Zebra Technologies. “Basandoci sul nostro secondo Indice annuale, appare chiaro che sempre più aziende riconoscono il valore delle strategie basate sull’ IoT e continueranno ad adottare questo approccio anche in futuro, rafforzando gli investimenti in quest’ambito.”

Principali risultati dell’indice

Crescono gli investimenti in IoT, diminuisce la resistenza alla loro adozione. L’Indice ha rivelato che, per le aziende coinvolte nello studio, la spesa media annuale in IoT è aumentata del 4% rispetto all’anno precedente. L’86% delle aziende coinvolte prevede un ulteriore incremento del dato nei prossimi 1-2 anni e circa la metà ha già pianificato una crescita degli investimenti compresa tra l’11% ed il 20%.

Grazie ad una maggior apertura dei dipendenti nei confronti delle nuove tecnologie, il numero di aziende che si aspetta di incontrare resistenza nei propri progetti IoT si è ridotto dal 75% del 2017 al 64% di quest’anno.

Grazie a una strategia che si basa sui dati real time, le aziende stanno raggiungendo migliori performanceIl 52% dei partecipanti a livello globale hanno risposto che le informazioni provenienti dalle proprie soluzioni IoT, sono condivise in tempo reale con i dipendenti.

Il dato è in aumento del 37% rispetto all’Indice precedente, a dimostrazione di un sempre maggior bisogno di flussi di lavoro mobili e collaborativi. Inoltre, i due terzi degli intervistati hanno avviato un piano per organizzare ed analizzare i propri dati, dato in aumento del 10%.

Gli elementi più rilevanti all’interno dei piani di data management delle imprese sono risultati essere quelli di real-time analytics (66%) e quelli per la security (63%). Emerge anche che la sicurezza è una delle priorità per le aziende e che le aziende stanno dimostrando una maggiore resilienza grazie a ecosistemi integrati.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome