A Ibm il primato dei brevetti negli Usa

Con 4.914 brevetti conseguiti negli Stati Uniti, Ibm ha occupato nel 2009, per il 17° anno consecutivo, il vertice della classifica delle aziende più innovative del mondo. E, per la  prima volta, la multinazionale ha dichiarato di voler offrire il proprio know-how e il proprio software per la gestione dei brevetti e delle invenzioni ai clienti che intendono potenziare le proprie capacità di gestione della proprietà intellettuale, a supporto delle strategie di crescita basate sull'innovazione, proponendo una versione web del tool che dovrebbe essere disponibile nella seconda metà del 2010.
Il numero totale di brevetti conseguiti da Ibm nel 2009 è quasi il quadruplo rispetto a quello di Hewlett-Packard e supera i brevetti conseguiti da Microsoft, Hewlett-Packard, Oracle, Apple, Accenture e Google complessivamente (dati IFI Patent Intelligence). Ibm ha inoltre pubblicato quasi 4000 invenzioni tecniche, anziché richiedere la tutela brevettuale, rendendole così accessibili ad altri per contribuire all'innalzamento del livello qualitativo delle invenzioni. Le invenzioni pubblicate sono disponibili gratuitamente in un database pubblico e possono essere citate dagli uffici brevetti per limitare l'ambito delle domande di brevetto in esame (www.research.ibm.com)

Pubblica i tuoi commenti