L’ispezione intuitiva in 3D secondo Sick

Sick scommette sulla semplicità di configurazione nel campo della visione industriale e lo fa proponendo al mercato il nuovo TriSpector1000, un sensore di visione in 3D che abilita le ispezioni direttamente a bordo della camera e senza necessità di programmazione. Il TriSpector1000 è adatto ad applicazioni di controllo qualità nel settore dei beni di consumo e imballaggio, dove è necessario il conteggio e il posizionamento degli oggetti, la misurazione del volume o dello spessore e la verifica dei livelli di riempimento o della completezza delle confezioni.

TriSpector1000 acquisisce immagini tridimensionali degli oggetti in movimento sulla linea di produzione sfruttando il principio di triangolazione laser per la cattura dei profili, con i quali genera poi l’immagine 3D. L’elaborazione dell’immagine avviene direttamente a bordo della camera, dove l’oggetto può essere localizzato e ispezionato utilizzando gli opportuni algoritmi. All’immagine 3D dell’oggetto è anche possibile sovrapporre l’immagine ottenuta misurando l’intensità della linea laser in ogni punto che, essendo simile ad un’immagine 2D, rende più semplice la comprensione dei dati acquisiti e permette al sistema di verificare, ad esempio, la presenza di etichette o grafica oppure la rotazione dell’oggetto.

Il sistema di controllo può ricevere i risultati di queste analisi direttamente tramite uscite digitali o mediante una connessione Ethernet. Il TriSpector1000 è disponibile in tre modelli con campi inquadrati di dimensioni diverse, da scegliere in base all’oggetto da ispezionare. Grazie all'interfaccia intuitiva, la messa in funzione del TriSpector1000 risulta semplice e in caso di necessità è possibile effettuare velocemente la sua sostituzione riutilizzando le impostazioni precedentemente memorizzate.

La  custodia in metallo, con grado di protezione IP67, è disponibile anche con finestra in plastica e assicura al sensore la protezione necessaria per l’impiego in condizioni gravose, tipiche per esempio dell’industria alimentare.

Pubblica i tuoi commenti