Mecspe continua a crescere e proseguono i Laboratori di Fabbrica Digitale

I numeri dell’ultima edizione di Mecspe: 53.442 visitatori +17% rispetto all’edizione 2017, 2.260 aziende presenti e 110.000 mq di superficie espositiva descrivono la crescita continua della manifestazione, che per il 2019 dà appuntamento a Fiere di Parma dal 28 al 30 marzo. Riconfermandosi fiera di riferimento per l’industria 4.0.

Proseguirà anche l’impegno di raccontare il processo di trasformazione in atto nel mondo delle industrie attraverso dibattiti e case history 4.0 con l’iniziativa  Laboratori Mecspe Fabbrica Digitale, La via italiana per l’industria 4.0.

Il tour, organizzato da  Senaf, ripartirà con nuove tappe il prossimo 21 settembre da Brescia, per poi attraversare i territori strategici di Trino, Parma (il 15 novembre in collaborazione con l’Associazione Italiana Tecnici Materie Plastiche - Tmp), Catania, ancora Parma (in occasione della giornata inaugurale della 18esima edizione di Mecspe che si terrà a Fiere di Parma, dal 28 al 30 marzo 2019) e Padova.

Il grado di soddisfazione del pubblico e degli espositori

Ma se i numeri dell’edizione da poco conclusa sono così positivi, cosa ne è del grado di soddisfazione del pubblico e degli espositori, anche in vista della prossima edizione?

I dati emersi dall’indagine di customer satisfaction parlano chiaro: più di 3 visitatori su 4 si dicono soddisfatti della manifestazione e il 62,6% di quanti erano presenti all’edizione 2017 afferma di aver percepito un miglioramento dell’evento.

Tra gli obiettivi che i visitatori si erano prefissati, quelli raggiunti col miglior grado di soddisfazione sono stati visitare fornitori (74,8%), conoscere le novità del mercato (70,4%), partecipare ad attività di formazione e aggiornamento tecnico (61,2%)e seguire i workshop (59,5%).

Per quanto riguarda le figure presenti in fiera per posizione aziendale, i rappresentanti degli uffici tecnici sono stati i più numerosi (13,7% del totale), seguiti dai titolari(12,8%), a riprova del fatto che Mecspe si stia sempre di più imponendo come fiera del saper fare e orientata a quelle figure che con concretezza operano giorno dopo giorno nella loro realtà industriale.

Tra quanti hanno preso parte alle numerose iniziative speciali presenti quest’anno a Mecspe, il 60% si sente arricchito dal punto di vista professionale, il 57,2% da quello culturale e il 50,6% in termini di competenze.

Ottimi anche i riscontri che provengono dagli espositori, con ben il 77,9% che consiglierebbe ad altri la partecipazione alla manifestazione.

“Come dimostrato dagli eccellenti numeri registrati e dai feedback dei visitatori, molto positivi, Mecspe conferma di interpretare al meglio i trend emergenti dell’industria 4.0 e di saperli proporre in fiera non solo attraverso i percorsi espositivi, ma anche attraverso le numerosissime attività di formazione e i workshop – commenta Maruska Sabato, Project Manager di Mecspe -.Non è di certo un caso se chi ha preso parte quest’anno alle iniziative speciali della fiera si senta arricchito sia dal punto di vista professionale, sia da quello umano”.

“La formazione è un elemento imprescindibile per creare una cultura dell’innovazione – commenta Emilio Bianchi, Direttore di Senaf - e la qualità degli appuntamenti organizzati sia prima, sia durante la fiera, dimostra l’importanza che attribuiamo a questi temi. Anche l’accordo firmato in occasione dell’inaugurazione di Mecspe con il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano va nella direzione di un percorso di approfondimento sull’industria del futuro, indagando il ruolo dell’uomo come protagonista degli spazi della fabbrica”.

Pubblica i tuoi commenti