Microsoft Digital Week: il 14 marzo giornata dedicata al settore manifatturiero

È in corso a Milano la Microsoft Digital Week, una settimana di eventi che si sviluppano tra il 12 e il 18 marzo, anticipando e integrando il programma della Milan Digital Week, iniziativa promossa dal Comune di Milano per riflettere sul valore del Digitale in ottica di smart city.

Per l’occasione la Microsoft House accoglie istituzioni, università, aziende, startup e cittadini, guidandoli in un viaggio alla scoperta dei temi e dei protagonisti della Trasformazione Digitale del Paese, insieme a Intel e Samsung  e ai Partner Microsoft .

Il 14 marzo è stata la giornata dedicata al settore manifatturiero, che in una logica di Industry 4.0 sta intraprendendo profonde trasformazioni e grazie alle nuove tecnologie e alla connettività, può aspirare a ottimizzare i processi e a cogliere nuove opportunità di business: in mattinata si è parlato dei trend che stanno rivoluzionando il settore e nel pomeriggio della fabbrica del futuro.

Un avvio all’insegna della digitalizzazione spinta

Lo scorso 12 marzo Giuseppe Sala, sindaco di Milano, ha dato il via all’evento sottolineando quanto la tecnologia sia un fattore abilitante e non discriminante. Un avvio all’insegna della digitalizzazione spinta con la presentazione di Chiara, l’assistente virtuale del comune di Milano, nata dalla collaborazione tra Microsoft e Teorema, per cittadini e turisti. “Chiara” è un chabot attualmente in lingua italiana e inglese, ma a breve sarà anche disponibile in lingua araba e cinese. “Milano è una città-mondo “, ha affermato Sala. “La sua forza è saper lavorare insieme e la sua magia è quella di avere una storia profonda e al tempo stesso essere finestra sul futuro perché l’innovazione digitale è voluta dai cittadini”.

L’Intelligenza Artificiale è l’xfactor del futuro

Durante la conferenza di apertura, Silvia Candiani, Amministratore Delegato di Microsoft Italia (nella foto), ha posto l’accento sull’Intelligenza Artificiale definendola l’xfactor del futuro. L’AI sta ridefinendo i confini della società e inaugurando nuovi modelli d’interazione e di business. Al riguardo ha citato esperienze di realtà industriali e il nuovo progetto MyClinic di Europ Assistance, che integra i servizi cognitivi e l’Artificial Intelligence di Microsoft a supporto di percorsi di prevenzione e consulenza medica.

“Con l’intelligenza artificiale si potrebbe dare il via alla risoluzione di problemi che fino a oggi sembrano irrisolvibili. Si pensi alle diagnosi precoci di gravi malattie o alle potenzialità dell’ AI anche in ambito agricolo. Se è vero che nel 2050 non avremo terreno sufficiente per sfamare la popolazione, è giusto pensare a come l’intelligenza artificiale possa intervenire in questo senso”, ha commentato  Candiani.

Carlo Ratti, Professore del Massachusetts Institute of Technology, Direttore del Senseable City Lab ( nella foto a destra) nel suo intervento ha sottolineato come di fatto l’intelligenza artificiale non rappresenti nulla di nuovo. “Già negli anni 70, al Mit, si parlava di Intelligenza Artificiale, ma portò a poco. Oggi il panorama sta cambiando. Oggi abbiamo più potenza di calcolo: nelle nostre tasche abbiamo tanti sensori che raccolgono molte informazioni dal mondo esterno e poi c’è l’intelligenza. È cambiato il panorama tecnologico: nel futuro avremo nuovi dati che vanno di pari passo con l’evoluzione del concetto di smart city (dalla produzione 4.0, alla robotica che incontra l’IoT)”.

L’Intelligenza artificiale anche nella formazione con Flex Emba, il mentor del  MIP

Andrea Sianesi, Dean del MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business, è intervenuto annunciando insieme a Microsoft un innovativo progetto di intelligenza artificiale, Flex Emba, al servizio della formazione a livello internazionale: una piattaforma di continuous learning suggerirà come colmare il proprio skill gap alla Community MIP e a chiunque altro interessato a temi di business management, e in futuro aiuterà le aziende a reclutare i profili ideali. "È una sorta di mentor basato sull'intelligenza artificiale, sempre a disposizione, che supporta nel percorso di sviluppo di crescita professionale", ha spiegato Sianesi.

 

Pubblica i tuoi commenti