Per l’IoT servono standard. Lo dice uno studio Frost & Sullivan

Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata 'Internet of Things (IoT) - Disruptive Opportunities in Key Sectors', rileva che diversi organismi di standardizzazione in Europa e negli Stati Uniti stanno lavorando per affrontare la questione dell’interoperabilità dei dispositivi e delle policy di sicurezza standard.

Sia le organizzazioni europee che quelle americane stanno cercando di snellire il flusso ininterrotto di informazioni tra i dispositivi, a livello globale. Un esempio è il comitato separato creato dall’Istituto Europeo per gli Standard nelle Telecomunicazioni (Etsi) per concentrarsi sulla standardizzazione della privacy nelle comunicazioni M2M.

Un'altra soluzione per accelerare l'adozione su larga scala delle molteplici applicazioni e tecnologie nello spazio di Internet delle cose è l’utilizzo di un gateway unificato. “I gateway sviluppati per trattare tutti gli aspetti della comunicazione e gestione dei dati per diverse applicazioni potrebbero semplificare il processo di implementazione di Internet delle cose", osserva Swapnadeep Nayak, analista di Frost & Sullivan. "I gateway integrati con Java, spesso utilizzati per lo sviluppo di applicazioni cloud, potrebbero migliorare ulteriormente le capacità della piattaforma in termini di interoperabilità”.

Anche la nanotecnologia ha la sua parte nel promuovere Internet delle cose. I rapidi progressi raggiunti nella miniaturizzazione dei sensori e nell’identificazione mediante radiofrequenza (Rfid) aiuteranno l'integrazione dei transistori in qualsiasi tipo di oggetto fisico, indipendentemente dall'impronta del dispositivo. Gli operatori del mercato possono migliorare la privacy e la sicurezza della rete anche integrando sensori intelligenti per tracciare le abitudini degli utenti e i movimenti all'interno del cloud.

Poiché l'Internet delle cose richiede un'architettura aperta, gli utenti tendono a essere scettici riguardo alla capacità delle piattaforme di mantenere l'integrità dei loro dati. Tali preoccupazioni possono essere alleviate, in una certa misura, grazie alla convergenza di tecnologie emergenti come Big Data e context-aware computing con l'IoT. Sfruttare i vantaggi della convergenza tecnologica migliorerà l'analisi dei dati degli utenti e i diritti di accesso, favorendo la creazione di un ambiente sicuro.

“L'enorme pressione sulla rete per garantire la connettività con molteplici dispositivi potrebbe portare a una nuova architettura cognitiva di intelligenza artificiale per la gestione dei dati di rete", afferma Nayak. "Pertanto, il successo di Internet delle cose potrebbe anche essere collegato all’efficienza dell’architettura di rete”.

Nel complesso, utilizzando un’infrastruttura cloud comune con un’interfaccia di programmazione delle applicazioni (Api) unificata per tutti i settori applicativi, l'IoT può abbattere i costi di distribuzione, migliorando l'efficienza dei dispositivi utilizzando i dati provenienti da innumerevoli oggetti.

 

 

Pubblica i tuoi commenti