Più forza con le catene a più bande

catene portacavi


Pesi elevati e aumento della longevità sono una combinazione impegnativa nella progettazione delle catene portacavi. La soluzione Kabelschlepp, che risponde a queste esigenze, consiste nei prodotti in acciaio e in poliammide eseguiti con più bande di catena.
La stabilità e la longevità sono requisiti fondamentali di tutte le catene portacavi del programma Kabelschlepp. La progettazione quindi di tutti i tipi di portacavi rispetta queste caratteristiche. In molti settori applicativi tuttavia ci si trova a confrontarsi con condizioni di impiego difficili e ambienti estremi, che richiedono soluzioni particolari. Per questo motivo sono state studiate e sviluppate numerose varianti di catene portacavi a più bande. L'aggiunta di una banda di catena comporta l'aumento del 50% del peso aggiunto supportato rispetto alle esecuzioni convenzionali. 
La forma costruttiva a più bande è consigliata quando in catena si devono alloggiare cavi di grossi diametri, con peso elevato e grandi sezioni. In questo tipo di esecuzione le larghezze delle catene a due bande possono arrivare ai limiti di carico. Se si devono escludere altre possibili soluzioni costruttive, quali ad esempio i portacavi contrapposti o sovrapposti, i prodotti a più bande costituiscono una valida alternativa in termini di idoneità applicativa e di ingombri. Mediante l'utilizzo di traversini a telaio in alluminio si possono realizzare larghezze di catene adatte ad ogni esigenza, mantenendo una costante ed elevata stabilità. Le varianti più comuni sono le catene a tre o a quattro bande, anche se Kabelschlepp ha già realizzato catene a 7 bande. Queste tipologie esecutive sono state montate su macchinari pesanti e in acciaierie così come su macchine per la carta o su una Gantry di un impianto per la terapia dei tumori. Se, per la complessità di un impianto con molti tipi di cavi, che deve rispondere ad esigenze di prestazioni difficili , il peso aggiunto va oltre il potenziale di una catena standard, è necessario valutare la funzionalità della forma esecutiva a più bande rispetto alla forma costruttiva standard. Grandi linee di azionamento ad esempio devono portare molti chili per metro di peso aggiunto di cavi e di pesanti tubi idraulici, che possono ridurre al limite i carichi delle catene in acciaio con determinate larghezze. La rottura di un sistema portacavi comporta un fermo macchina e quindi disagi anche in produzione, che sono da evitare. La stabilità di una catena portacavi a più bande è una garanzia affidabile per l'intero processo produttivo.
Con una particolare longevità sono state concepite anche le catene portacavi a doppia banda, presentate per la prima volta con le catene LS 1050 della serie Steel Line e con le catene portacavi ibride MC 1300, che ora vengono prodotte con una particolare struttura: l'aggiunta di una banda per parte, avvitata a quella esistente. In questo modo risulta maggiore la stabilità della struttura e si raggiungono autoportanze sino al 40% maggiori nelle catene in acciaio e nelle catene ibride sino al 30% in più rispetto alle varianti standard. Il modello LS1050 sorprende per una maggior longevità anche per carichi dinamici più elevati e per l'elevata velocità di spostamento; la MC 1300 invece si contraddistingue per l'elevata resistenza a torsione e per la stabilità laterale.

Pubblica i tuoi commenti