Plc Abb per ambienti estremi

Plc
Il plc 'condizioni estreme' AC500-XC di Abb, versione rinforzata del plc modulare AC500, è protetto contro una grande
varietà di minacce: temperature alte e basse, elevata umidità,
bassa pressione atmosferica, nebbia salina e gas pericolosi, vibrazioni e urti. Ciò riduce i costi di realizzazione
del sistema, eliminando la necessità di sofisticati contenitori di protezione
con tenute speciali, condizionamento e ventilazione, assorbitori di colpi,
protezione Emc ecc.
Le caratteristiche di protezione integrata, infatti, consentono ai plc di essere installati direttamente nell'ambiente operativo e assicurano che i sistemi di
controllo siano funzionali e affidabili anche quando operano in ambienti ostili. Il risparmio ottenuto da questo approccio può essere molto
sostanzioso. Si riduce il tempo di progettazione, la lista dei componenti
sarà più corta, il cablaggio sarà ridotto, il consumo energetico sarà
inferiore grazie all'eliminazione della necessità di raffreddamento o
riscaldamento, ed i costi di manutenzione, filtri e riparazioni durante la
vita utile saranno molto minori.
Miniere, gallerie, navi, gru, impianti idrici e di
depurazione acque, piattaforme offshore, turbine eoliche, inseguitori solari, stazioni meteo e per la navigazione sono alcuni degli esempi applicativi di queste soluzioni Abb. 

I plc AC500-XC possono
operare a temperature da -30°C a +70°C, con la possibilità di avviare il
sistema in modo affidabile anche a temperature molto basse, fino a -40°C.
Con poche limitazioni, l'AC500-XC opera fino a 70°C; hanno un'estesa immunità contro la nebbia salina e le atmosfere con gas corrosivi,
come H2S, SO2, CL2 e NO2, e  tollerano alti livelli di
vibrazioni e urti, con accelerazioni fino a 4 g da vibrazioni occasionali
fino a 500 Hz, o fino a 2 g da vibrazioni sinusoidali. Il plc in questione può funzionare
ad altitudini fino a 4.000 m e offre una protezione Emc estesa contro
sovratensioni e transitori veloci, come pure dalle scariche elettrostatiche.

"I plc per condizioni estreme di ABB permettono di posizionare
l'automazione proprio dove servono gli I/O di controllo," afferma Thomas
Boenig di Abb. "Questa tecnologia apre nuovi e più convenienti approcci di
progettazione per un'ampia varietà di utilizzatori di automazione".

Poiché sul plc AC500-XC gira lo stesso codice di programma dell'AC500, gli utilizzatori possono migrare facilmente verso
soluzioni più robuste, semplificando lo sviluppo di grandi sistemi che
richiedono sistemi di controllo per condizioni sia standard sia estreme.
Questa compatibilità tra le gamme si estende anche ai plc di sicurezza di
Abb, l'AC500-S-XC.

Pubblica i tuoi commenti