Siemens: posata la prima pietra del nuovo headquarter italiano

Al via, il 13 settembre a Milano in via Vipiteno, i lavori per la realizzazione del nuovo headquarter Siemens, pronto entro il 2018, alla presenza di Federico Golla, l’amministratore delegato di Siemens Italia, Zsolt Sluiter, il Ceo di Siemens, e il premier Matteo Renzi.

Quello inaugurato con uno scenografico volo di drone è un progetto ambizioso, che va al di là della semplice impresa edilizia. Il nuovo centro Siemens, con un investimento totale di circa 40 milioni di euro, si svilupperà su un’area di 86mila mq e accoglierà 1.700 dipendenti. Il progetto sarà al centro di un ampio piano di riqualificazione urbanistica, sviluppato in collaborazione con il Comune di Milano.

 

2016_09_13_posa-prima-pietra_523

Federico Golla, AD Siemens Italia, e il premier Matteo Renzi, a Milano, il 13 settembre

Il piano prevede la ristrutturazione degli edifici esistenti e la costruzione di un nuovo stabile, la realizzazione di un’area verde di 25.mila mq  (con 400 alberi, aree relax e orti), un nuovo impianto sportivo e il miglioramento della viabilità del comprensorio. All’ingresso è già stata montata una delle quattro monumentali sculture The Wings realizzate da Daniel Libeskind per Expo 2015.

L’edificio centrale, che avrà una pianta a forma di E, sarà ecocompatibile e concepito allo scopo di creare ambienti lavorativi accoglienti, in cui uomini e donne, oltre che svolgere la propria attività, possano socializzare e interagire. Come ha spiegato Federico Golla, infatti, dal 2011 Siemens ha deciso di implementare un innovativo modello di lavoro più flessibile e autonomo, dando la possibilità ai propri dipendenti e collaboratori di lavorare in totale indipendenza ma, al tempo stesso, con grande responsabilizzazione individuale.

Pubblica i tuoi commenti