Trofeo Smart Project 2014 Omron, decretato il vincitore tra i 12 progetti finalisti

Eventi

Giunta quest'anno alla settima edizione, l'iniziativa Trofeo Smart Project realizzata da Omron Electronics in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur) ha impegnato gli studenti del quarto e del quinto anno di istituti tecnici e professionali sul territorio nella consueta gara nazionale di programmazione plc e supervisione. Dei 32 progetti candidati nell'edizione 2014 del Trofeo, i 12 arrivati in finale sono stati presentati il 29 maggio presso la Sala Comunicazione del Miur, alla presenza dei dirigenti Omron, rappresentati da Massimo Porta, Country General Manager di Omron Italia, e da quelli del Miur, con la partecipazione di Carmela Palumbo della Direzione Generale per gli Ordinamenti e l'Autonomia Scolastica del Miur.

Il primo premio, una borsa di studio da 600 euro, è andato allo studente Luca Mocellin, dell'Itis E. Fermi di Bassano del Grappa, vincitore con il progetto di automazione di una 'Confezionatrice', il secondo (400 euro) è stato assegnato allo studente Donato Continanza, dell'Itis Pentasuglia di Matera, con il progetto di un 'Impianto di miscelazione e confezionamento di due ingredienti', mentre il terzo (200 euro) è stato consegnato a Mirko Simonetto, 'compagno' di Mocellin nella realizzazione del progetto di automazione della confezionatrice.
Tra i 'migliori istituti' 2014, il primo classificato è stato il già citato Itis E. Fermi, il secondo l'Itis Pentasuglia e il terzo l'Itis Righi-Mozzali di Treviglio (Bergamo). A ciascuna delle tre scuole è stato assegnato un buono di 6mila euro per l'acquisto di prodotti Omron. Gli studenti Marco Pilato e Simone Prizzi dell'Enfapi di Lurate Caccivio (Como), presentando il progetto di una 'Linea di stoccaggio e riempimento di barili per vernici', hanno invece ricevuto un importante riconoscimento per la loro chiarezza espositiva, il 'Premio Giorgio Barilari 2014 per l'eccellenza nella comunicazione'.

Nell'assistere alle 12 presentazioni dei progetti, Carmela Palumbo ha sottolineato l'impegno degli studenti, la passione dei loro insegnanti e la sensibilità educativa di Omron. "E' importante che continuino ad esserci sul territorio imprese e docenti disposti a investire risorse nell'educazione, per dare sempre nuove occasioni di formazione professionale e tecnica, affinchè gli studenti si possano mettere in gioco, stabilire competizioni sane e positive e confrontarsi con altre realtà e altri territori".
Emblematico il commento al termine della premiazione di un docente, il prof. Michele Centonze dell'Itis Pentasuglia di Matera: "Non è raro che mi senta stanco o demotivato, ma è solo questione di un attimo: quando colgo la passione e l'entusiasmo dei miei studenti, mi ricarico immediatamente!".

Pubblica i tuoi commenti