Una risposta veloce agli allarmi

Scada


ServiTecno annuncia la commercializzazione di Proficy Scada Alarm Response Management, la soluzione di GE Intelligent Platforms che consente agli operatori di gestire gli allarmi con efficacia e di migliorare l'operatività aziendale. Proficy Scada Alarm Response Management si aggiunge al sistema Hmi/Scada esistente, dispone di modelli per creare procedure di risposta e consente di trasformare ogni operatore in un esperto in grado di intervenire correttamente in presenza di un allarme.
La capacità di filtrare eventuali allarmi inutili e di intervenire automaticamente permette agli operatori di dedicarsi unicamente a determinati allarmi.
In base alle necessità, può trasferire gli allarmi a un livello superiore, segnalando la gestione di una situazione critica e le istruzioni da seguire. Questo consente di velocizzare i tempi di risposta, diminuire gli errori e ottimizzare la sicurezza. Inoltre, grazie a Proficy Scada Alarm Response Management è possibile generare automaticamente report dettagliati, che permettono di localizzare con precisione gli allarmi, favorendo l'aderenza agli standard e migliorando le prestazioni del personale. Proficy Scada Alarm Response Management favorisce la formazione di nuovi operatori consentendo l'acquisizione di nuove competenze con video schermate e istruzioni di lavorazione semplici da seguire e coerenti con il know-how operativo e le migliori pratiche aziendali. In questo modo, gli operatori non devono conoscere un nuovo sistema e possono immediatamente rispondere agli allarmi e garantire il normale svolgimento delle operazioni. L'adozione di procedure digitalizzate, invece che cartacee, riduce il tempo di risposta agli allarmi, gli errori degli operatori e gli sprechi. Le istruzioni di risposta agli allarmi sono attivate automaticamente a partire dagli allarmi stessi, mettendo a disposizione degli operatori le istruzioni di lavoro giuste al momento opportuno. Inoltre, i responsabili in azienda ricevono report che consentono di individuare attività e aree critiche.

Pubblica i tuoi commenti