PlantPAx, il Dcs Rockwell per un’esperienza più intelligente e intuitiva

L'ultima versione del Dcs  (distributed control system,DCS) PlantPAx di Rockwell Automation rende le attività relative al controllo di processo più intelligenti, produttive e protette.

La trasformazione digitale nelle industrie di processo richiede una connettività ottimale e sicura, dal singolo dispositivo al sistema gestionale. Il Dcs PlantPAx ha reso possibile questa connettività grazie alla sua scalabilità e all'impiego di standard di comunicazione aperti.

Ora Rockwell Automation presenta una nuova versione con migliorie pensate per aiutare gli operatori di processo a trarre ulteriori vantaggi dalla trasformazione digitale della loro azienda in una Connected Enterprise.

Una struttura più intuitiva

Tra le nuove caratteristiche, il sistema ora presenta una struttura più intuitiva e permette di visualizzare informazioni contestualizzate relative ai macchinari dell'impianto.

Questi miglioramenti agevolano la trasformazione digitale delle attività di controllo dei processi, e contribuiscono a creare una Connected Enterprise, riducendo il time-to-market e il costo totale.

“Già in passato, il Dcs PlantPAx rendeva possibile la connettività grazie all'allineamento con tecnologie di automazione scalabili a livello di tutto l'impianto e all'utilizzo di standard di comunicazione aperti”, dichiara Kris Dornan, PlantPAx Business Development Manager di Rockwell Automation. “Ora Rockwell Automation ha introdotto nuove funzionalità a livello di controllo dei processi, che offrono maggiori vantaggi in tutto l'impianto.”

Una maggior intelligenza semplifica l’implementazione

Il sistema sfrutta tecnologie abilitanti per abbattere le barriere che in passato rendevano troppo complessa l'implementazione di un Dcs nelle Pmi. Riunendo i server in un'unica macchina è ora possibile sfruttare appieno le funzionalità di un sistema Dcs moderno.

Questa semplificazione, realizzabile sia su macchine virtuali che fisiche, contribuisce a ridurre anche del 75% gli ingombri, i tempi di ingegnerizzazione del sistema e le licenze.

Il  Dcs è inoltre dotato di una libreria più estesa che supporta i dispositivi di protezione elettrici, sfruttando sia gli standard EtherNet/IP che IEC-61850.

Collegando le funzioni elettriche al controllo, si ottiene una maggiore integrazione a livello di impianto, con un conseguente miglioramento del controllo. Inoltre, i nuovi quadri di controllo standard proposti semplificano l'implementazione, per ridurre i rischi connessi all'avviamento.

Aumenta la produttuvità

Il sistema comprende una libreria più ampia di oggetti di processo, che contribuiscono a migliorare le interazioni tra operatori e processi, inclusa la gestione di allarmi e situazioni anomale.

Il layout semplificato delle maschere assicura un'esperienza d'uso più intuitiva, semplificando le attività di formazione e assistenza.

La libreria comprende anche modelli storici, che permettono di visualizzare le informazioni relative agli eventi facendo un raffronto tra dati in tempo reale e dati storici.

Un nuovo livello di sicurezza

Con il Dcs PlantPAx, gli utenti possono definire i diritti di accesso sia in base ai ruoli che alle aree, realizzando un nuovo livello di sicurezza mediante procedure di autenticazione e privilegi di accesso.

La nuova versione del sistema assicura inoltre una maggiore disponibilità della rete per comunicazioni I/O, permettendo di trarre ulteriori vantaggi dalle architetture convergenti a livello di impianto.

“L'ultima versione del nostro Dcs PlantPAx, arricchita di nuove funzionalità frutto dei preziosi input ricevuti dagli utenti dell'industria di processo e allineata agli standard del settore, è stata pensata per offrire un sistema più intelligente, intuitivo e protetto a un'ampia gamma di industrie di processo”, commenta Jim Winter, direttore Global Process Business di Rockwell Automation.

Pubblica i tuoi commenti